Lorenzo Latini

Nato il giorno della Liberazione del 1987 ad ottanta chilometri da Roma, ho ereditato da mio padre la malattia per i colori giallorossi. Segnato a vita da un celebre Roma-Slavia Praga di oltre vent"anni fa, e da sempre innamorato della lettura e della scrittura, ho voluto coniugare queste passioni gettandomi nel giornalismo e nella narrazione sportiva. Fatta la gavetta su testate e siti (sportivi e non), approdo al Romanista con l"entusiasmo e l"umiltà di chi non vuole smettere di imparare. Sul podio delle cose per cui vale la pena vivere, oltre alla Roma, metto il rock and roll e l"amatriciana.

Articoli di Lorenzo Latini