La Roma contro il Cska Sofia ha subito la prima sconfitta del suo cammino in Europa League. Ininfluente e indolore, certo, però le occasioni e i gol avversari nascono da distrazioni che la squadra di Fonseca deve evitare in futuro. Ecco isolati due errori di sufficienza che hanno portato a gol o a grossi pericoli corsi.

Il primo è di Kumbulla, in uscita con la palla al piede dopo un minuto: davanti ha Pedro e attraverso una semplice trasmissione potrebbe raggiungerlo e dar via a una ripartenza romanista. Ma il difensore albanese preferisce un ulteriore controllo, lo sbaglia e perde il pallone.

Dall'immediata verticalizzazione nasce il primo pericolo per Boer. Rimedierà Jesus.

Il secondo errore è di Peres. La linea bianca indica la facile traiettoria del passaggio che il brasiliano avrebbe davanti per raggiungere Milanese al 5'. Ma il passaggio è lento e non perfettamente orientato, Youga intercetta e lancia la transizione.

L'azione poi si svilupperà ulteriormente con un cross da destra che Fazio allungherà, con controcross deviato maldestralmente da Sankharé: da lì la palla arriva a Rodrigues che coglie Boer di sorpresa.