C'erano due tesserati della Roma all'Europeo Under 19 della scorsa estate in Finlandia, uno partiva titolare, l'altro dalla panchina. Il primo, Nicolò Zaniolo, in pochi mesi è diventato un punto fermo della prima squadra, è stato convocato in Nazionale ancor prima di esordire, e presto ci tornerà, stavolta per rimanerci. L'altro, Andrea Marcucci, che era chiuso dal secondo giocatore più richiesto e considerato di quella spedizione azzurra, il regista del Brescia Sandro Tonali, ieri ha chiuso la sua esperienza con la Roma firmando per il Foggia. Scende in serie B dopo 11 anni di Trigoria: lo hanno preso bambino e fatto diventare uomo, lui ha ringraziato con un collage su Instagram con tutte le gradazioni di giallo e rosso che ha portato in questi anni. Se ne va da capitano della Primavera, dopo un ritiro a Pinzolo con Di Francesco e due panchine in serie A, la prima lo scorso anno col Benevento, l'ultima a dicembre col Genoa.

Ma se ne va senza biglietto di ritorno: cessione a titolo definitivo, anche se la Roma si è tenuta una percentuale su quanto incasserà il Foggia da una eventuale futura vendita del cartellino. L'ultimo romanista mandato a Foggia, giusto un anno fa, si è trovato bene: era Arturo Calabresi, reduce dal girone di andata con lo Spezia con 2 sole presenze, e dopo 6 mesi a Foggia ha trovato una squadra di A disposta a puntare su di lui, il Bologna. Il precedente può essere di buon auspicio, solo che Calabresi aveva 22 anni, e un anno e mezzo a Brescia prima della stagione che lo ha portato in Puglia, Marcucci deve ancora fare 20 anni (giovedì) e non ha mai messo il naso fuori Trigoria. Ci era arrivato nel 2008, a 9 anni, dalla Cisco, e si era presto imposto come regista e capitano della fortissima classe '99, che comprenderà negli anni gente che ha debuttato in A come Luca Pellegrini, Antonucci e Scamacca (col Sassuolo). Da capitano Marcucci ha vinto lo scudetto Giovanissimi, sotto età quello Allievi, da riserva della Primavera Supercoppa e Coppa Italia, contro l'Entella di Zaniolo. Intelligenza calcistica superiore, personalità, piede educato, specialmente per crossare su punizioni e calcio d'angolo, bel tiro da fuori, ma fisicamente è cresciuto poco. E la Roma, che lo aveva sotto contratto fino al 2020, ha deciso di cederlo.

Visualizza questo post su Instagram

11 anni intensi e bellissimi vissuti insieme.Sono entrato a trigoria bambino e ne esco da uomo. GRAZIE ROMA

Un post condiviso da Andrea Marcucci (@andreamarcuccii) in data: