Siviglia chiamò. Si potrebbe descrivere così, reinterpretando a piacere l'inno di Mameli, lo stato d'animo dei romanisti a poco più di una settimana dalla gara d'andata degli ottavi di finale di Europa League che vedrà la squadra di Fonseca fronteggiare proprio gli andalusi dell'ex ds Monchi. Una metaforica chiamata alle armi a cui non è possibile opporre rifiuto, un dovere morale da adempiere, un atto di fede da compiere liturgicamente: ovunque andrai saremo.

Oggi si apre la vendita per il settore ospiti del Ramon Sanchez Pizjuan, dove il 12 marzo la Roma si giocherà una fetta importante di qualificazione ai quarti, e lo farà con i propri tifosi al seguito. Perché i romanisti ci sono sempre stati e ci saranno anche stavolta, visto che, nonostante l'allarme lanciato dal ministro della Salute spagnolo Salvador Illa (che ha raccomandato di far disputare Valencia-Atalanta e Getafe-Inter a porte chiuse), la trasferta di Siviglia non sembra a rischio. Lo stesso club andaluso lo ha confermato ieri su Twitter: «Le comunicazioni emesse non menzionano misure straordinarie per la sfida di Europa League contro la Roma: per il momento le nostre partite non sono condizionate dal coronavirus».

Saranno poco più di 2000, dunque, i biglietti messi a disposizione dei sostenitori giallorossi, che a partire dalle ore 15 potranno riservare il proprio posto nel formaggino dello stadio di Siviglia. La vendita prevede delle fasi di prelazione: la prima, riservata ai possessori del doppio abbonamento casalingo (Serie A e Europa League) oltre che del tagliando di ognuna delle quattro trasferte disputate sin qui dalla Roma (Graz, Moenchengladbach, Istanbul e Gand), resterà aperta fino alle 14.59 di domani, giovedì 5 marzo; alle 15 dello stesso giorno scatterà invece la seconda fase, quella riservata ai possessori di almeno un abbonamento stagionale, e si chiuderà alle 11.59 di venerdì 6.

L'eventuale vendita libera sarà a disposizione dei tifosi dalle ore 12 del 6 alle 18 dell'8 marzo. I tagliandi saranno acquistabili al prezzo di 40 euro (più il 3% di commissione) online sul sito ufficiale della Roma: una volta effettuata la transazione (che può comprendere un massimo di due biglietti per volta), verrà emesso un voucher che darà diritto al ritiro del biglietto per la partita presso il Roma Store di Piazza Colonna a partire dalle ore 15.00 di giovedì 5 alle ore 13.00 di lunedì 9 marzo 2020.

Verso la gara di ritorno

Intanto prosegue la vendita, iniziata alle 15 di lunedì, dei biglietti per la sfida di ritorno, in programma allo stadio Olimpico il 19 marzo. Dopo neanche due giorni di apertura della fase riservata agli abbonati in Europa League, i rinnovi per il ritorno degli ottavi di finale hanno già toccato quota 4000. Numeri decisamente destinati a salire sia entro le 11.59 di domani, quando si chiuderà questa prima tranche di prelazione, ma soprattutto entro le 18 di mercoledì 11 marzo, quando si concluderà la seconda, aperta anche agli abbonati in campionato.

La Roma chiama, i tifosi rispondono, nulla (o quasi) li può fermare. Diciamo quasi perché se la proposta formulata dal Comitato scientifico, nominato dal presidente del Consiglio, di disputare a porte chiuse le manifestazioni sportive dei prossimi trenta giorni dovesse essere accolta, i romanisti sarebbero costretti a seguire la squadra da casa: in caso di stop potrebbe arrivare un rimborso (a discrezione delle società) per chi aveva diritto al posto allo stadio.