Sciopero. Pausa per striscioni e trasferte. Anzi no. Tutto come prima. Un piccolo "giallo" avvolge la Curva dell'Atalanta nella settimana che porterà alla sfida contro la Roma e poi a quella di Champions col Valencia. Ieri erano trapelate le prime indiscrezioni da Bergamo, che annunciavano uno stop del tifo a tempo indeterminato proprio dal settore nerazzurro più caldo. I motivi non sono del tutto chiari, ma si parla di una protesta contro la gestione dei biglietti nelle trasferte (soprattutto europee).

Un passaparola senza sosta quello del mercoledì precedente la sfida coi giallorossi, che dai messaggi sui vari telefonini ha inondato tutti i siti che si occupano della Dea, coinvolgendo anche L'eco di Bergamo, il quotidiano cittadino, che alla vicenda ha dedicato perfino un editoriale, nel quale si sottolineava la coincidenza temporale fra la presunta scelta e l'importanza della settimana calcistica. A conferma delle voci si attendeva un comunicato della Nord atalantina fra la serata di ieri e la mattinata di oggi, che però - al momento - non è arrivato. Le ultime dal capoluogo lombardo parlano di un ripensamento degli ultras nerazzurri. O almeno di un rinvio dello sciopero. Sabato i romanisti dovrebbero quindi trovarsi di fronte la consueta colorata e rumorosa tifoseria.