Ecco la doppia linea Maginot di Castori per affrontare la Roma.

1 - Già al primo minuto di gioco è apparsa chiara la scelta conservativa dell'allenatore scelto da Lotito: cinque difensori, quattro centrocampisti e Bonazzoli unico riferimento avanzato.

2 - La Roma ha provato durante tutto il primo tempo a spostare e ad abbassare gli avversari: qui, al 15° minuto, le due linee difensive si sono portate a ridosso dell'area di rigore. Difficile trovare spazi giocabili.

3 - La Roma ha trovato il suo varco ad inizio ripresa, approfittando di un malinteso difensivo: Aya è uscito su Mkhitaryan, lasciando un varco nel quale è bravissimo Pellegrini ad infilarsi. Su di lui è costretto a chiudere Gyomber, lasciando Abraham a Jaroszynski.

4 - Pellegrini nel controllo si defila, ma poi si gira da posizione angolatissima e calcia forte di collo pieno di sinistro, Belec è sorpreso, la palla gli passa tra le mani e la gamba.