Lorenzo a casa, Luca convocato: c'è il Pellegrini che non ti aspetti nella lista dei convocati per Bologna. Che poi, nei piani di inizio stagione, Luca Pellegrini doveva fare tutta la stagione coi grandi, ma la rottura del legamento crociato, nell'amichevole di fine ritiro a Pinzolo, ha cambiato le carte in tavola. Classe 1999, 19 anni compiuti il 7 marzo, il terzino sinistro cresciuto nel settore giovanile - vincendo tre scudetti con Giovanissimi, Allievi e Primavera, più Coppa Italia e Supercoppa - sarebbe dovuto essere il vice Kolarov nei primi mesi di stagione, fino al pieno recupero di Emerson Palmieri, che però a gennaio era destinato a partire, e lasciargli nuovamente spazio. L'infortunio di luglio ha scombinato i piani, come del resto la ricaduta del 2 dicembre: era tornato in campo con la Primavera per riprendere il ritmo partita, contro il Milan, ma dopo 44' ha accusato un fastidio al ginocchio (lo stesso, ma in un punto diverso) e chiesto il cambio. Era una microfrattura alla rotula, altri 3 mesi di stop, da una decina di giorni il ragazzo è tornato in gruppo.

Rinnovo Pellegrini, tempistiche e dettagli

Nel frattempo però la Roma doveva risolvere la grana del contratto, in scadenza a giugno. Il ragazzo, assistito da Mino Raiola, ha richieste importanti: Spalletti, che lo aveva già convocato coi grandi, lo voleva all'Inter, in Premier lo conoscono benissimo, visti i trascorsi con le nazionali giovanili, ma la squadra che avrebbe maggiori possibilità di approfittare di un mancato rinnovo sarebbe la Juventus. Ma la Roma è disposta a investire su di lui, e la prima convocazione stagionale è un altro segnale positivo: il rinnovo - 4 anni, ingaggio a salire, clausole per rescindere in caso di mancato utilizzo - potrebbe arrivare già dopo Barcellona.