Il presidente del Porto Pinto Da Costa ha rilasciato un'intervista al canale tematico del club in vita della sfida con la Roma. Ecco le sue parole.

Fiducioso per un risultato positivo?
"Sono sempre fiducioso di un risultato positivo, ovviamente. Conosco la squadra, so come funziona e come l'allenatore si prende cura del più piccolo dettaglio di qualsiasi gioco e questi in un modo molto speciale. Lui stesso ha vissuto qui giorni di gloria e spero che domani ne abbia un altro come allenatore. Sono convinto che questo potrebbe accadere".

Un commento alla conferenza stampa di Conceiçao?                                                                                            
"Sono stato alla conferenza stampa, come di solito faccio in queste partite, e sono sempre soddisfatto del modo intelligente in cui risponde, anche a domande stupide come Sport TV, che ha chiesto del 10-0 del Benfica di ieri. Siamo abituati a domande stupide come quella".

Parere sul suo viaggio in Vaticano?
"Sono andato in Vaticano dopo essere arrivato, mentre la squadra stava riposando. Mi piace sempre andare lì e ho sempre dei bei ricordi. Nel 2003 andai anche lì e all'epoca fui persino ricevuto da Papa Giovanni Paolo II. Questa volta non è arrivato fino al giorno in cui è stato, ma sono molto fiducioso. Non è una questione di fede, è una questione di credere nel valore della squadra, abbiamo giocatori di tutte le credenze e ciò che credo sia nel loro valore. Spero che domani il team risponda come ha fatto".

Ci saranno più di quattromila tifosi del Porto domani...
"Ci teniamo che i tifosi sappiano che la squadra lavora bene, con devozione, anche quando perdiamo. E loro questo ce lo riconoscono. Ciò che è fondamentale, per me me e per i tifosi, è che la squadra faccia del suo meglio e sono sicuro che domani accadrà".