C'è grande attesa per i sorteggi degli ottavi di finale di Champions League che si terranno lunedì alle 12 a Nyon. Dopo esserci dedicati a una guida sul regolamento del sorteggio e sulle possibili avversarie della Roma, oggi vogliamo focalizzare la nostra attenzione sui possibili movimenti di calciomercato delle potenziali oppositrici alla squadra giallorossa lungo il cammino che porta a Madrid.

BORUSSIA DORTMUND

 Weigl e De Rossi @Sync

In casa Borussia, scotta soprattutto la situazione di Julian Weigl. Con l'arrivo in panchina di Favre, il centrocampista tedesco ha perso il ruolo di protagonista avuto nelle passate stagioni, collezionando otto presenze complessive per un totale di 559 minuti. Ritenuto comunque un patrimonio importante dalla dirigenza, il 23enne potrebbe partire in prestito e la Bild ha di recente confermato un interessamento della Roma. Sulle sue tracce ci sono anche Juve, Milan e Psg. Scarsamente utilizzato in Bundesliga ma quasi sempre titolare in Champions, Christian Pulisic piace alle big inglesi, ma il direttore sportivo Zorc ha escluso una sua partenza a gennaio, confermando invece quella di Kagawa.

BARCELLONA

In casa Barça sembra rientrato il caso Malcom e il brasiliano a meno di clamorosi sviluppi dovrebbe restare in Catalogna almeno fino al termine della stagione. Quasi scontata, invece, la partenza di Denis Suarez che piace in Inghilterra e in Italia. In attacco, potrebbe muoversi qualcosa sul fronte Munir, in scadenza di contratto a giugno 2019.

BAYERN MONACO

James Rodriguez @Sync

Ribery e Robben hanno già annunciato l'addio a fine stagione, mentre il mercato di gennaio potrebbe movimentarsi soprattutto attorno alla figura di James Rodriguez. Il colombiano ha voglia di cambiare aria, ma il prestito dal Real Madrid scadrà solamente in estate. Il Bayern sta valutando se riscattarlo anticipatamente per accontentarlo subito, ma questa via sarà percorribile solamente qualora dovesse ricevere la garanzia di un'offerta superiore alla cifra spesa. L'altra ipotesi è che un'eventuale squadra interessata (si è parlato di Arsenal, Juventus, Manchester United) decida di accollarsi la spesa del prestito biennale affrontata dal Bayern per poi andare a trattare un nuovo diritto di riscatto con il Real Madrid. La terza via è rappresentata proprio dal rientro anticipato nella capitale spagnola.

MANCHESTER CITY

Nicolas Otamendi è al centro di numerose voci di mercato. Utilizzato con "parsimonia" da Pep Guardiola, il difensore argentino ha chiesto un confronto con allenatore e dirigenza ed è stato sondato anche dalla Juventus visti gli ottimi rapporti tra il club bianconero e il suo agente, Jorge Mendes. In scadenza a giugno, Mangala ha dato mandato ai suoi agenti di trovare una nuova sistemazione già a gennaio, mentre il caso più preoccupante riguarda Brahim Diaz, anche lui in scadenza e corteggiatissimo dal Real Madrid.

PORTO

Hector Herrera è il caso più spinoso. Il centrocampista messicano è in scadenza a giugno 2019, ma dopo le frizioni di inizio ottobre i rapporti con la dirigenza sembrano essersi rasserenati. Il suo agente vorrebbe arrivare a scadenza e rimandare così un eventuale passaggio altrove (Arsenal, Inter, Juventus, Roma...), ma il calciatore nelle ultime settimane ha aperto anche all'ipotesi di un prolungamento contrattuale. In una situazione simile si trova Yacine Brahimi, che, a differenza del suo capitano, potrebbe invece spingere per una sua cessione in Inghilterra o Spagna già durante il mercato invernale.

PSG

Adrien Rabiot @Sync

La dirigenza francese avrà molto lavoro da svolgere soprattutto sul fronte rinnovi: Areola e Rabiot sono due casi molto preoccupanti. Il portiere non ha ancora chiuso definitivamente le porte all'ipotesi prolungamento, mentre la situazione del centrocampista stenta a sbloccarsi. Accostato anche alla Roma, il 23enne di Saint-Maurice ha delle richieste salariali molto importanti, che sembrano più alla portata di Barcellona, Juventus, Liverpool, Manchester City e Tottenham. In difesa, reclama una cessione Kurzawa. Mai utilizzato da Tuchel, il terzino sinistro vuole lasciare Parigi durante il mercato invernale e il contratto in scadenza a giugno 2020 facilita senza dubbio gli estimatori dal punto di vista dei costi del cartellino. In attacco, Jesé sarà chiamato a cercare fortune altrove.