La Roma c'è, nonostante i quindici minuti d'inferno vissuti a cavallo tra primo e secondo tempo. Con Antonucci nuovamente impiegato da 'falso nueve', la squadra giallorossa ha subìto due gol tra il 39' e il 54'. In vantaggio con Bari, i biancocelesti hanno raddoppiato su calcio di rigore con Tounkara. Nonostante la doccia gelata, i ragazzi di Alberto De Rossi hanno saputo reagire, accorciando le distanze al 60' con un sinistro di Riccardi. Un gol che, insieme all'espulsione di Tounkara al 67' per un fallo a palla lontana, ha dato nuova verve a Ciavattini e compagni. A suonare la carica è stato soprattutto Nura, che ha colpito una traversa al 73' con un bel tiro da fuori. Gioia del gol solamente rinviata, visto che è stato proprio l'esterno a trovare la rete del 2-2 da fuori area all'80': traversa e palla in fondo alla rete. I sogni di rimonta perfetta si sono infranti sul palo colpito all'88' da Riccardi: 2-2 e ottavo risultato utile consecutivo per la Primavera tra campionato, Coppa e Youth League (6 vittorie e 2 pareggi).