Nel segno del nove. Nove su undici come gli abituali titolari schierati e come il parziale delle gare ufficiali giocate fino a questa seconda sosta. Uno score che lascia la Roma in piena zona Champions, dopo una vittoria netta ben oltre il 2-0.

IL MIGLIORE - 7,5 PELLEGRINI La voglia di battezzare il rinnovo con un gesto da tramandare è evidente. Soffia sulla parte alta della rete su punizione, ma poi ci riprova inserendosi e la gonfia. Settimo gol stagionale per il 7, che prosegue la corsa per abbracciare la sua gente. Più bella cosa non c'è. Prima e dopo, delizie assortite per suggellare la luna di miele.

6 RUI PATRICIO Il primo tempo scorre con qualche brivido ma pochi squilli diretti a lui, che però risponde sempre.

7 KARSDORP Il turno di riposo lo riporta carico e forse con qualche polmone di riserva per colmare a ripetizione la distanza fra le due linee di fondo.

6,5 MANCINI Provvidenziale quando copre un disimpegno sbagliato, votato al sacrificio quando spende un giallo sacrosanto anti-ripartenza.

6,5 SMALLING Dopo la coppa, torna titolare anche in campionato, rivestendo i panni del leader e dirigendo il reparto. Ancora a un filo dai tempi belli, ma la strada è quella.

6 VIÑA Rispetto all'ultima presenza un passo avanti, soprattutto lì dietro.

6,5 VERETOUT Instancabile motorino sul centrodestra, ridefinisce il concetto di centrocampista apparendo in ogni zona, dalla propria area all'altra. A ritmi forsennati per un'ora.

6 DARBOE La personalità non si acquista e a lui ne è stato dotato da Madre Natura. I rischi del caso sono i piccoli eccessi di confidenza, come quello che si concede al quarto d'ora e per poco non fa danni. Ma subito dopo prova a riaffermare la questione tentando il gol da cineteca.

7 ZANIOLO Quella appena passata è stata per mille motivi la sua settimana: si annusa nell'aria che ha in serbo qualcosa di magico per confermare che è di nuovo lui. Parte forte, innesta il turbo quando la Sud lo carica, si scontra coi toscani, battibecca con Ayroldi (che alla fine lo punisce con un giallo grottesco). Ma il rombo della fuoriserie ora si avverte forte e chiaro. Nico is back

7 MKHITARYAN Chiude uno scambio lussuoso fra trequartisti con la prima conclusione a rete, respinta. Sempre vitale a sinistra, il meglio lo dà quando si accentra: in percussione traccia l'assist per Pelle. Ma dal suo lembo raccoglie la respinta della traversa di Tammy e firma il raddoppio.

7,5 ABRAHAM Fastidioso come una zanzara per gli avversari, esaltante per chi se lo gode dalla propria parte. Tammy ringhia come un difensore, pressa come un mediano, partecipa alla manovra da trequartista, tira spaccando pali (5° stagionale) e propiziando gol. Punta di diamante.

6 CRISTANTE Doppia missione in mezz'ora: ridare fiato alla mediana e non farsi ammonire. Compiuta.

S.V. CALAFIORI Nei minuti finali, con sicurezza.

S.V. EL SHAARAWY Per la standing ovation a Micki.

S.V. IBANEZ Rileva Smalling coi crampi.

S.V. ZALEWSKI Altro gettone per il gioiellino.

7 MOURINHO Si riaffida ai suoi fedelissimi con un paio di accorgimenti: non rischia Cristante dall'inizio e rilancia Smalling. Il risultato è un successo senza discussioni.