In rimonta, in inferiorità numerica e con tanta grinta. La Roma Femminile batte 2-1 il Sassuolo nella prima giornata di ritorno di campionato. Al Tre Fontane c'era da agganciare il quarto posto e cominciare bene il 2019. Sin dalle prime battute la squadra pressa alto e cerca di mettere in difficoltà le neroverdi che le avevano sconfitte all'andata. Nella prima mezz'ora le avversarie riescono a tenere il passo, sfruttando gli spazi in ripartenza. La Roma però è compatta e determinata. La pecca è sempre quella di non riuscire a finalizzare in con efficacia le occasioni create. Al 30' Bernauer si vede deviare in angolo una girata di testa e sullo sviluppo dell'azione Serturini calcia sul palo la più limpida occasione per il vantaggio. A una prima frazione che si chiude sullo 0-0, segue una ripresa che infiamma i quasi 400 del Tre Fontane. Al 54' il Sassuolo approfitta di una distrazione centrocampo e, quasi dal nulla, passa in vantaggio con Iannella. Quando poi Corrado viene espulsa (66') e lascia in campo in lacrime arriva la svolta della partita, ma a favore della Roma.

«In 10 abbiamo tirato fuori la rabbia, abbiamo dominato e abbiamo portato a casa una grande vittoria», ha dichiarato Pipitone nel post partita. Al 70' Agnese Bonfantini raccoglie un cross di Serturini e segna il pareggio. Le giallorosse non accusano l'inferiorità numerica, anzi: passano 9 minuti e ancora la numero 22 sigla il vantaggio che fa impazzire i tifosi, stavolta su assist di un'inarrestabile Giada Greggi. Il Sassuolo non ribatte: i tre punti e il quarto posto sono giallorossi. In rimonta, in inferiorità numerica e con tanta, tantissima grinta.