Per comprare, bisogna vendere. Una banalità, ma che nel caso della Roma, con conti che non sono brillantissimi, si trasforma in una necessità imprescindibile. Il club giallorosso per foraggiare il suo mercato in entrata, dalle cessioni (a parte i giocatori in rosa) conta di incassare una cinquantina di milioni da quei calciatori che in questa stagione sono in prestito in qualche altro club. Tra questi, quello che sembra più vicino a salutare, è Florenzi che il Psg potrà riscattare a soli nove milioni di euro, cifra che rappresenta un autentico affare per un nazionale italiano.

Più complesso sarà trovare un acquirente per Kluivert che, oltretutto, è al Lipsia in prestito ma senza neppure un diritto di riscatto. La Roma punta sul suo procuratore Mino Raiola, sperando che riesca a trovare un acquirente disposto a pagare una cifra tra i quindici e i venti milioni.

Under è al Leicester con un diritto di riscatto a venticinque milioni, ma per ora in Premier il campo lo ha visto pochino. La Roma è pronta a cederlo anche per venti milioni, convinta che a questa cifra ci sia qualche club disposto a prenderlo. Sempre in Inghilterra c'è Olsen. Lo svedese ha fatto sapere che sarebbe felice di rimanere all'Everton (auguri) ma il club di Ancelotti dovrà pagare non meno di sette milioni per assicurarsi il cartellino del portiere che da queste parti non ha lasciato orfani.