Le parole del centrocampista della Roma, Nicolò Zaniolo, ai microfoni di Sky Sport 24:

Primo bilancio di questa stagione
"Per me è un onore giocare qui, il bilancio all'inizio è positivo pensando a tutto quello che è successo e non l'ho immaginato. Speriamo di continuare così"

Come hai reagito alla tua convocazione in Nazionale?
"Stavo guardando Sky, è uscita la notizia ed ero incredulo, ho chiamato papà e c'era tanto stupore. Sono andato a giocarmi le mie carte e spero di essere richiamato in futuro".

Cosa hai provato nel momento dell'esordio al Bernabeu?
"Pensavo a poco, non lo so spiegare era un'emozione grandissima. De Rossi mi ha dato dei consigli e poi ho pensato solo a giocare. Quando c'era la musica della Champions ero emozionato ma poi ho pensato solo alla gara".

L'esordio in A contro il Frosinone
"Contro il Frosinone è stata una grande partita e poi è stata seguita da una striscia positiva. E' stata molto importante dal punto di vista personale. bisogna continuare cosi"

Cosa ti dice Di Francesco?
"Il mister mi sta dicendo di mettermi a disposizione come tutti. L'allenamento sarà lo specchio della gara. Il giorno dell'esordio mi ha detto di fare quello che sapevo fare e tutto è andato bene".

Hai parlato con Mancini?
"Non mi ha parlato tanto. Ha detto che ha grande fiducia in me e l'ha dimostrato con il gesto che ha fatto. Ora tocca a me. Ho pensato di rubare il più possibile con gli occhi da giocatori come Bonucci e Chiellini. Il punto di riferimento qui è De Rossi, mi dà sempre consigli. Da bimbo avevo il poster di Kakà, mi piacerebbe essere come lui"

Pregi e difetti di Zaniolo
"Pregi fisicità, ma devo migliorare con il piede debole e ragionare di più sull'azione da fare. Sono un ragazzo di 19 anni a cui piace divertirsi facendo le cose giuste. Vorrei essere un giocatore affermato".