Al termine della gara vinta contro il Bologna, il difensore centrale della Roma, Gianluca Mancini, ha rilasciato alcune dichiarazioni.

Mancini a Sky Sport

Una partita non facile.
"Sì, nel primo tempo abbiamo sofferto la loro pressione, sapevamo che venivano a prenderci alti. Potevamo fare qualcosa in più, però non abbiamo corso particolari rischi. Poi l'abbiamo sbloccata e abbiamo cercato di sfruttare delle occasioni in contropiede. Siamo arrivati in un momento della stagione dove le partite iniziano a farsi sentire e la stanchezza anche. Ci portiamo a casa i tre punti e aspettiamo le prossime partite".

Sulla fascia da capitano.
"Un'emozione unica, anche pensando a chi l'ha indossata in passato. Anche se non sono romano è una soddisfazione grandissima fare il capitano di una squadra importante come la Roma. Confesso che ero molto ansioso, perché la prima da capitano se non andava bene potevo portare iella (ride, ndr)".

Adesso la sfida più attesa contro l'Ajax, quanto la state sentendo mentalmente?
"L'Europa League è una bellissima competizione. In Olanda abbiamo fatto una partita di sostanza e da domani prepariamo la partita probabilmente più importante della stagione. Partiamo con un risultato buono e bisognerà lottare più di oggi per portare a casa una semifinale".

Mancini a Roma Tv

Vittoria importante e partita difficile.
"L'importante è vincere in questo momento della stagione. Le partite sono tutte difficili perché ne giochiamo di importanti ogni tre giorni. Bisogna sempre essere come oggi ed è difficile farlo tutte le partite, però quando ci riusciamo i tre punti contano tanto".

Anche oggi per te grande gara. Quanto conta anche in vista dell'Europeo?
"Giocare aiuta e sicuramente dopo la partita di giovedì è stato molto duro giocare dopo tre giorni. Tante volte bisogna recuperare velocemente, di testa e di fisico".

Adesso possiamo pensare all'Ajax.
"Sicuramente sì. Forse è la partita più importante di questa stagione fino a oggi e dobbiamo iniziare a prepararla perché saranno 90' di battaglia".