Abbiamo scelto le dieci migliori partite della Roma dal 2010 al 2019. Dalle vittorie nei derby a quei tre punti contro l'Inter, fino all'addio di Totti e alle notti europee..

Juventus-Roma 1-2

Il Roscio all'ultimo. Juventus-Roma del 23 gennaio 2010 è una delle più belle trasferte del decennio. Si gioca la ventunesima giornata di Serie A, gara di ritorno. Il match dell'Olimpico di Torino lo sblocca Alessandro Del Piero all'inizio del secondo tempo. Francesco Totti su rigore fa 1-1, come antipasto della goduria finale: allo scadere, Davide Pizarro serve deliziosamente John Arne Riise, che di testa trafigge la porta difesa da Manninger. Il norvegese impazzisce di gioia e corre sotto il settore ospiti.

Roma-Inter 2-1

Quando sognammo. 27 marzo 2010, Roma contro Inter, Ranieri contro Mourinho per una sfida Scudetto. Inizia il match e dopo sedici minuti De Rossi sigla il vantaggio a due passi dalla porta difesa da Julio Cesar. Al ventesimo del secondo tempo pareggia El Principe Milito, ma la Roma reagisce dopo pochi minuti: conclusione di Riise, respinta di Lucio, la palla arriva a Taddei che calcia in porta ma esce fuori un tiro-cross: Luca Toni addomestica il pallone, si gira e segna il gol vittoria del 2-1. Un solo verdetto: vince la Roma, che vola a meno uno dalla vetta.

Lazio-Roma 1-2

Una delle più belle prove di Mirko Vucinic. Era il 18 aprile 2010 e si giocava la trentaquattresima giornata di Serie A. Dopo quattoridici minuti Tommaso Rocchi la mette dentro per il vantaggio biancoceleste. All'intervallo la storica mossa di Claudio Ranieri di sostituire Daniele De Rossi e Francesco Totti, troppo coinvolti a livello emotivo. Nel secondo tempo Julio Sergio para un rigore a Sergio Floccari e arriva la svolta: il numero nove montenegrino Mirko Vucinic sigla prima il pareggio su rigore, poi il definitivo 2-1 su una punizione dal limite.

Roma-Bayern 3-2

Una notte europea, una rimonta indimenticabile. Stadio Olimpico, 23 novembre 2010, quinta giornata del Girone E di Champions League. Dopo una doppietta di Mario Gomez nel primo tempo, la Roma di Claudio Ranieri si rimboccò le maniche e nel secondo tempo cambiò musica: al 49' Borriello accorciò le distanze da terra dopo un'azione strepitosa di Menez. Ci pensarono prima De Rossi all'81' e poi Totti all'84' a ribaltare il risultato.

Roma-Chievo 1-0

Il 31 ottobre 2013 la Roma di Rudi Garcia entrava nella storia del calcio italiano, centrava la decima vittoria consecutiva e diventava la prima squadra in assoluto a collezionare una striscia iniziale così lunga. La partita fu bloccata per tutto il primo tempo e l'inizio del secondo, ma alla fine fu decisa da un colpo di testa di Marco Borriello, servito da Florenzi che era subentrato al posto di Marquinho. 

Lazio-Roma 1-2 

Una derby importantissimo, quello del 25 maggio 2015, vinto per 2-1 contro la Lazio grazie ai gol di Iturbe e Yanga-Mbiwa. Quel successo fu essenziale per la squadra giallorossa per consolidarsi al secondo posto in classifica e per garantirsi l'accesso diretto alla Champions League. Era la Roma allenata da Rudi Garcia contro i biancocelesti allenati da Stefano Pioli. La partita fu bloccata per tutto il primo tempo, poi nel secondo al minuto 73' segnò Juan Manue Iturbe. L'attaccante sudamericano, grazie a una ripartenza iniziata da Radja Nainggolan e conclusa dal cross di Victor Ibarbo la appoggia alle spalle di Marchetti. All'81' Djordjevic pareggia momentaneamente i conti, prima dell'esplosione di gioia finale con il gol, all'85', di Mapou Yanga-Mbiwa. Il difensore francese segnò di testa all'angolino su un calcio di punizione battuto da Miralem Pjanic il suo primo e ultimo gol in giallorosso.

Lazio-Roma 1-4

Un altro derby, vinto 4-1 grazie alle reti di El Shaarawy, Dzeko, Florenzi e Perotti. La sfida si giocò il 3 aprile del 2016, la squadra giallorossa era allenata da Luciano Spalletti. Fu il primo derby capitolino dove le due curve erano prive del tifo organizzato. La sfida si sbloccò subito al minuto 15', grazie a un colpo di testa di Stephan El Shaarawy servito da un bel cross di Digne. Il raddoppio nel secondo tempo è firmato da Edin Dzeko. Poco dopo la Lazio accorciava le distanze con Parolo. Ma a chiudere il match ci pensarono prima Florenzi con un gran gol da fuori area e poi per il poker, Perotti con un gran tiro piazzato la mette all'angolino e fa 4-1.

Roma-Genoa 3-2

Era il 28 maggio 2017, e Francesco Totti dava il suo addio al calcio. La partita fu rilevante per difendere il secondo posto valevole per l'accesso diretto alla fase a gironi della Champions League. La sfida iniziò subito in discesa per i giallorossi: dopo pochi secondi fece gol il giovanissimo ed esordiente Pellegri, ma poi pareggiò Edin Dzeko. A fine primo tempo la Roma era sull'1-1. Nel secondo grazie ad un gol di De Rossi servito dall'attaccante bosniaco si portava in vantaggio. Ma al minuto 74' pareggiava ancora il Genoa con il gol di Lazovic. Il gol decisivo arrivò nei minuti finali, dove, grazie a un assist del numero nove giallorosso fu servito Diego Perotti, che firmò il gol della vittoria e del secondo posto in classifica. Indimenticabile la cornice.

Roma-Chelsea 3-0

Il 31 ottobre del 2017 è una di quelle date che ogni romanista ricorderà come una delle notti più belle in Europa. Perché quella sera la Roma di Di Francesco schiantava il Chelsea 3-0 allo Stadio Olimpico e passava al comando nel girone C di Champions League con otto punti: furono decisivi i due gol di El Shaarawy nel primo tempo e il gol di Perotti nella ripresa. Il vantaggio arrivò dopo appena 40 secondi: lancio di Kolarov che pesca Dzeko, sponda all'indietro per la botta di El Shaarawy che fulmina Courtois. Al 36' la Roma raddoppiava con la complicità dell'ex Rudiger: alle sue spalle si avventò ancora El Shaarawy, che con un esterno destro morbido siglava il 2-0. Nella ripresa i giallorossi colpirono ancora con Perotti al 64': l'argentino si accentrò e con un rasoterra di destro la piazzò all'angolino per il 3-0 finale.

Roma-Barcellona 3-0

Se quella contro il Chelsea è una delle notti europee più belle, quella contro il Barcellona è sicuramente la più importante negli ultimi dieci anni della Roma. Il 10 aprile del 2018 è la data della vittoria della Roma per 3-0 contro la squadra spagnola di Messi, che portò i giallorossi ad una storica semifinale di Champions League, dopo trentaquattro anni dall'ultima volta. Nella sfida i giallorossi passarono in vantaggio con Dzeko servito da un lancio perfetto di Daniele De Rossi. Poi ancora il numero nove si conquistava il calcio di rigore, trasformato dal numero sedici giallorosso, mettendo così a segno il raddoppio. Il 3-0 per poter completare la rimonta della partita d'andata (4-1) fu firmato da Manolas: calcio d'angolo di Under, il greco incornò alle spalle di Ter Stegen.