Lo storico numero 1 giallorosso Franco Tancredi è intervenuto ai microfoni di Teleradiostereo, cui ha rilasciato alcune dichiarazioni sui nuovi arrivi in casa giallorossa e sul portiere spagnolo Pau Lopez. Queste le sue parole.

Fonseca

"Mi fido molto dell'allenatore, mi sembra uno che sappia il fatto suo ed è determinato. Deve migliorare la lingua perché altrimenti risulta difficile trasmettere le cose al gruppo. Mi sembra intelligente e mi piace come mette la Roma in campo". 

La Roma

"Il problema della Roma sarebbe potuto essere l'allenatore nuovo ma come detto mi ha convinto e lo vedo calato nel gruppo. Ora con gli ultimi colpi di mercato la Roma cambierà registro e ne gioverà parecchio. A centrocampo Cristante e Pellegrini hanno bisogno di tempo pechè si stanno adattando non essendo nati mediani".

Pau Lopez

Mi sembra adatto al gioco di Fonseca, lo vedo molto reattivo e sveglio. Ha due ottime qualità soprattutto per come gioca la squadra ovvero legge bene tatticamente i passaggi in profondità e ha ottimi tempi di uscita nell'uno contro uno e con i piedi è molto preciso e coraggioso. Si è approcciato bene sin dal primo giorno, è conscio delle sue qualità ma ha anche grande voglia di imparare. Purtroppo però dal punto di vista tecnico i portieri stranieri non sono al livello della scuola italiana. Anche nei più bravi si nota il modo diverso di lavorare".

Smalling

Smalling è il classico centrale inglese roccioso e forte di testa, anche in fase offensiva, ma ha anche buon senso dell'anticipo ed è capace di comandare la difesa. Il suo unico problema è che essendo molto alto, pur essendo veloce, nei primi metri risulta macchinoso".

Le prime due giornate

Siamo stati storicamente sempre molto sparagnini nelle prime giornate di campionato quindi credo ci sia bisogno, specialmente per chi ha cambiato tecnico, di quel fisiologico tempo per registrare il reparto arretrato. Sono convinto che dalla prossima partita le cose cambieranno notevolmente".

L'attaccante che lo metterebbe in difficoltà

Io impazzisco per Dzeko. Ha un tiro in grado di anticipare e spiazzare le intenzioni del portiere ed è una cosa che hanno in pochi".