Ufficiale

Celik ha firmato: "Qui per lottare sempre"

Contratto quadriennale. Vestirà la numero 19. Ha già incontrato Mou. "Non mi arrendo mai e mi vedrete sempre lottare in campo", le parole giuste

Celik a Fiumicino (Mancini)

Celik a Fiumicino (Mancini)

05 Luglio 2022 - 23:16

«Non mi arrendo mai e mi vedrete sempre lottare in campo». Le parole sono quelle giuste, sono le prime da romanista di Zeki Celik. Ieri la Roma ha ufficializzato l’acquisto a titolo definitivo dal Lille dell’esterno basso turco, che ha firmato un contratto fino al 30 giugno 2026. Una risorsa per Mourinho e per la sua rosa, soprattutto un’alternativa decisamente valida per Rick Karsdorp sulla fascia destra

«Il fatto che la Roma mi volesse così tanto  - ha dichiarato Celik ai canali ufficiali del club giallorosso - ha reso facile la mia scelta. Volevo veramente venire qui. Volevo lavorare con Mourinho, che tutti conosciamo. So che anche lui mi ha voluto tanto, sono davvero molto fortunato a essere qui. Voglio fare grandi cose in giallorosso». Come la Roma conosceva lui da tempo, così lui conosceva la Roma e lo Special One, che ha già avuto modo di incontrare a Trigoria nella giornata di ieri: «Ho visto molte partite della squadra, mi piace restare aggiornato e mi è capitato spesso di seguire la Roma. Sono molto emozionato. In realtà io e Mourinho ci siamo conosciuti in passato, ma avrò occasione di conoscerlo meglio e sono molto curioso di scoprire i suoi allenamenti. Non vedo l’ora di lavorarci assieme e di scendere in campo per la prima partita davanti ai romanisti che so essere molto passionali». Campione di Francia con il Lille nella stagione 2020-21, alla Roma indosserà la maglia numero 19 con cui ieri ha posato per la prima volta, senza farsi mancare un giro “turistico” nel centro sportivo di Trigoria. Il classe ’97 è il quarto turco a vestire i colori giallorossi dopo Salih Ucan, Cengiz Ünder e Mert Cetin e si è già detto pronto a dimostrare il suo valore sul campo: «Ho grandi ambizioni per la prossima stagione, mentre il mio obiettivo a livello personale è essere titolare sempre e dare il mio contributo alla squadra».

«La sua determinazione nello sposare il nostro progetto - ha detto di lui Tiago Pinto -  è un presupposto indispensabile. È ancora giovane, ma ha già accumulato una grande esperienza a livello internazionale, che si rivelerà molto utile nel percorso di crescita della squadra».

© RIPRODUZIONE RISERVATA