Manolas? Presente. In campo. Con il gruppo. Il greco c'è. Nel derby giocherà. E la cosa non può che generare un profondo sospiro di sollievo per una Roma che quest'anno, a parte il greco, in fase difensiva troppo spesso è stata tutto un quiz. Stavolta, peraltro ce ne è un altro di quiz. Ovvero: chi al fianco dell'uomo che a Barcellona non possono vedere? Tre per una maglia: Fazio, Juan Jesus, Marcano. Nessuno dei tre, in questa stagione, ha dato risposte positive e continuative. Chi per un verso, chi per un altro, i tre spesso sono stati più un problema che una risorsa. E per questa ragione scegliere il partner di Manolas, è il grande dubbio che Di Francesco è chiamato a sciogliere in vista del derby. Fazio sembra essere il favorito numero uno. Se non altro perché l'accoppiata con il greco è quella che di gran lunga è stata la preferita da Di Francesco nel corso di tutta la stagione. I numeri lo indicano in maniera chiara visto che i due sono stati la coppia centrale difensiva titolare in diciannove delle trentaquattro partite ufficiali giocate dalla Roma in questa (Manolas poi ha giocato cinque volte con Jesus e quattro con Marcano, l'argentino quattro con Jesus e due con Marcano). Ma i numeri non possono sottolineare come in questo momento, che peraltro più o meno va avanti dall'inizio della stagione, Fazio tutto sia stato meno che il Comandante apprezzato nella passata stagione. Ed è per questa ragione che con Manolas titolare, stavolta al suo fianco possa esserci uno altro dei due centrali difensivi presenti nella rosa giallorossa.

In questo senso, sembra essere più favorito Juan Jesus, se non altro perché le sue caratteristiche sembrano quelle più giuste per le caratteristiche tecniche e fisiche degli attaccanti della Lazio Immobile e forse Correa). Il brasiliano, però, dopo un infortunio subito nella partita di coppa Italia contro l'Entella (ipertesione del ginocchio), non è più tornato a giocare anche se è già da un po' di tempo che si è rimesso a disposizione. Al contrario di Marcano che in questi ultimi tempi ha giocato con una cedenza che gli è stata sconosciuta per quasi tutto il resto della stagione. Lo spagnolo è stato nella formazione titolare che ha giocato e vinto a Frosinone, disputando probabilmente la sua miglior partita da quando veste la maglia giallorossa. E chissà che Difra non decida di continuare a dargli fiducia.