Giornata di vigilia per Roma e Manchester United, che domani sera alle ore 21 si sfideranno a Old Trafford per l'andata della semifinale di Europa League. Nel primo pomeriggio, il tecnico dei Red Devils Ole Gunnar Solskjaer, in compagnia del terzino Luke Shaw, ha presentato la gara in conferenza stampa.

Solskjaer in conferenza stampa

Ha detto che non conosceva la Roma.
"Non conoscevo bene la squadra, ma devo dire che la Roma è una grande squadra con grande storia. So della qualità della rosa, Smalling è con loro dallo scorso anno e lo abbiamo seguito. Adesso che dobbiamo affrontarli li abbiamo studiati più in fondo".

Siete vicini alla finale
"Quando si arriva al termine della stagione è importante arrivare pronti a questi impegni. Abbiamo fatto molto bene per arrivare fin qui. Vogliamo arrivare in finale"

Chi gioca oltre a Shaw?
"Rashford lo abbiamo gestito al meglio, penso che il peggio sia passato dal punto di vista fisico: ha fatto ottimi progressi. Sarà presente".

L'Europa League viene spesso snobbata, che ne pensi?
"Per noi è importante vincerla. Ci siamo detti che dovevamo vincere questo trofeo dopo l'eliminazione dalla Champions League. Abbiamo affrontato grandi squadre per arrivare fin qui, ora mancano solo due gare dalla finale".

Come ricordi la vittoria per 7-1?
Me la ricordo bene, è stata una serata fantastica eravamo tutti in formissima. Non vediamo l'ora di arrivare a questa semifinale".

Un giudizio su Bailly.
"Erik è stato resiliente come pochi, sta migliorando tanto sotto tutti i punti di vista. I compagni lo apprezzano, ce la mette sempre tutta in campo".

Pensi che le proteste contro la società possa avere ripercussioni? Tu che rapporto hai con i proprietari?
"Ho un ottimo rapporto, spero di andare aventi con loro e di avere successi. Abbiamo perso tante finali ma adesso i calciatori devo mostrare che possono vincere".

La situazione dei portieri.
"Speriamo di non incassare gol, abbiamo portieri di grande qualità che hanno giocato 20 partite a testa. Siamo tranquilli".

Siete più convinti oggi rispetto alla gara contro il Siviglia dello scorso anno?
"Sì, i giocatori hanno più esperienza, la scorsa stagione è stata particolare. La squadra è fiduciosa e credo che in 180 minuti faremo due belle prestazioni".

Avete analizzato le sconfitte delle scorse semifinali?
"Sì, ogni semifinale è difficile. Siamo in buona forma e speriamo di fare bene in queste ultime partite, lo scorso anno avevamo molti infortunati".

Come sarebbe vincere un trofeo da allenatore del Manchester United?
"Sarebbe un sogno vincere un trofeo da allenatore. Il nostro obiettivo quest'anno è quello di alzare una coppa e speriamo che andrà così".

Shaw in conferenza stampa

Sono sette anni che stai al Manchester United e le cose vanno sempre meglio a cosa devi tutto ciò?
"Tante cose, sicuramente l'allenatore. Sono cambiato, credo più in me stesso e sono tornato a divertirmi giocando a pallone. Voglio continuare a crescere e ad aiutare la squadra".

Cosa vi siete detti tu e i tuoi compagni della Super League?
"Siamo professionisti, dobbiamo andare avanti e giocare al meglio la Europa League, vogliamo la finale".

Hai fatto una bella stagione, significa che hai cambiato il modo di giocare?
"Sì, un esterno deve anche creare occasioni da gol per i compagni e fare assist. Spero di segnare anche qualche gol in più".

Pensi di essere al top della tua carriera?
"Sì, sono cambiate molte cose dalla scorsa stagione, sto giocando meglio in questa stagione e devo continuare a migliorare"

Perché lo United continua a perdere in semifinale?
"Penso che prima di tutto nessuna semifinale sia facile, sono sempre partite difficili. Abbiamo avuto molte delusioni la scorsa stagione, dobbiamo usarla come motivazione per rimettere le cose a posto".

Cosa cambia dall'anno della vittoria in Europa League a questo per te?
"Ovviamente ero felice di aver vinto nel 2017, ma quando non sei coinvolto in prima persona non è stessa cosa. Ero felice per la società e i compagni, ma voglio giocare e domani lo farò".