Alla vigilia della sfida contro il Manchester United, il tecnico della Roma Paulo Fonseca ha rilasciato una lunga intervista ai microfoni di ESPN. Queste le sue parole.

Contro lo United sarà la più importante partita europea della Roma dopo la semifinale di Champions contro il Liverpool. Sarà lo stesso anche per te come allenatore?
"Sì, naturalmente. E siamo entusiasti! È una grande opportunità prima di tutto per il club, ma anche per la città e per i giocatori. Non tutti hanno la possibilità di affrontare il Manchester United in una semifinale europea".

Negli ultimi mesi hai dovuto affrontare tante cose: c'è stato il cambio di proprietà in estate; Dzeko sembrava dovesse andare via a settembre, poi è rimasto e dopo alcuni dissapori con te ha perso la fascia da capitano; la tua squadra è stata penalizzata per il caso Diawara e le sei sostituzioni in Coppa Italia; non hai mai avuto a disposizione il tuo giocatore migliore, Zaniolo, e tanti altri come Smalling, Mkhitaryan e Pedro hanno avuto molti infortuni. Hai mai affrontato una sfida come questa?
"È stata una nuova esperienza per me e sì, è stato difficile gestire tutte queste situazioni. Gli infortuni sono particolarmente difficili da gestire, soprattutto perché sono arrivati in momenti cruciali, come quello subito da Mkhitaryan. E, naturalmente, giochiamo ogni tre giorni. Aggiungo anche che la Serie A è un campionato difficile e competitivo, dove stiamo lottando con altre sette squadre per un posto tra i primi quattro... ed eravamo tra i primi quattro fino agli ultimi infortuni di marzo, quando abbiamo perso posizioni. Quindi l'Europa League è davvero importante per noi".

Il Manchester United ha grandi contropiedisti e sembra soffrire con squadre più attendiste, ma non è il tuo modo di giocare...
"No, non mi piace giocare in profondità e aspettare il contrattacco. A volte può capitare in alcuni momenti, come contro l'Ajax nel ritorno dei quarti di finale, ma non è il mio stile di gioco. Ma hai ragione, hanno così tanti giocatori d'attacco forti come Cavani, Rashford, Greenwood o James, che è molto veloce. Questi sono giocatori straordinari che possono decidere il risultato di una partita in una situazione, in un secondo. Quindi dobbiamo essere preparati, ma, devo confessare, non possiamo pensare solo per difendere. Dobbiamo avere la palla, dobbiamo avere l'iniziativa, dobbiamo avere il coraggio di uscire e giocare contro il Manchester United. La chiave è non lasciarci attaccare con velocità e difenderci lontano dalla nostra area".

Ami giocare con la difesa alta ma questo a volte ti è costato caro. Spesso hai parlato di errori individuali
"Penso che spesso, quando abbiamo avuto problemi, non è stato perché altre squadre hanno creato situazioni contro di noi, ma perché abbiamo sbagliato, perdendo palloni nella prima fase di gioco. E penso che abbiamo pagato più a caro prezzo per quegli errori del normale, e questo è stato il nostro problema più grande. Perché sì, questo tipo di gioco che giochiamo può essere rischioso, ma a lungo andare credo che abbia successo".

Sui giovani
"Devo confessarlo, non è facile dare opportunità ai giovani giocatori quando sei in una grande squadra con grandi aspettative. C'è molta pressione; serve un giovane giocatore con il giusto carattere e la giusta personalità. Ce l'abbiamo in Zaniolo, per esempio. È così coraggioso e con un forte senso di volontà. Ecco perché non vedi molti giocatori molto giovani che giocano regolarmente per grandi squadre. Ma dipende dal carattere dell'individuo. Quando vedo un ragazzo con carattere e personalità che si adattano al suo talento, la sua età non mi importa".

Cosa ti ha sorpreso tatticamente in Serie A e nel calcio in generale?
"Ogni partita di Serie A è una grande sfida tatticamente, perché gli allenatori cercano sempre di ottenere un vantaggio. Una cosa che abbiamo visto sono squadre come Atalanta, Verona e Bologna, che giocano a uomo su tutto il campo. E non è solo in Italia. Marcelo Bielsa e il Leeds United lo hanno fatto domenica contro il Manchester United, marcando uomo su uomo e facendolo più alti del solito. È stato molto difficile per lo United in quella partita, ed è difficile per noi quando le squadre lo fanno con noi in Italia".

Può diventare un trend? Dagli Anni 90 tutti hanno iniziato a difendere a zona.
"Il calcio si evolve nel tempo, ovviamente, ma è anche ciclico, e mi chiedo se stiamo tornando un po' al passato. Vedi molte squadre che passano alla marcatura a uomo, sia per l'intera partita che in determinate situazioni. Ed è diverso, perché quando giocavo e mi sviluppavo come allenatore, era tutta una questione di zone di pressione e di difesa collettiva. Non sono un fan della marcatura a uomo; non è il mio tipo di calcio, ma ottiene risultati. E devi sapere come giocarci contro, altrimenti contro certe squadre non sarai in grado di giocare la tua partita".

Sulla SuperLega.
"Quando ho visto la notizia, all'inizio ero molto preoccupato, ma ora sono molto orgoglioso, orgoglioso di far parte del calcio. Penso che abbiamo dato un grande esempio al mondo, alla società. La cosa più importante sono i tifosi. Capisco che i club più grandi vogliono più soldi, ma sono anche quelli che spendono di più. Sono loro che pagano 100 milioni di euro per i giocatori. E questo crea un problema per i club più piccoli. C'è egoismo da parte loro. Quindi ringrazio i tifosi, i giocatori, gli allenatori, tutti coloro che si sono opposti. Se la Super League fosse accaduta, avrebbe potuto uccidere il vero calcio. E penso a quello che è successo in Inghilterra: vedere i tifosi per strada, far sentire la loro voce, ed è stato fantastico. Sono così orgoglioso di loro e devo dire grazie".