Primo maggio di lavoro, ma soprattutto di festa, per Fortitudo Bologna e Virtus Roma. Le due squadre si ritrovano di fronte tre giorni dopo il pareggio nella gara di andata della inutile finale per il titolo di campione d'Italia dilettanti.

Dopo il 77-77 del Palaeur, la questione è semplicissima: chi vince la partita, vince il titolo. Si comincia alle 18, non si sa quando si finisce, anche perché stavolta in caso di pareggio si andrà all'overtime. Qualcuno, insomma, deve vincere. L'ultima volta in cui le due squadre si affrontarono al Paladozza, vinse nettamente la Virtus per 82-58 con 19 punti di Primoz Brezec, pivot che però nel resto della stagione si rivelò una delusione.

A proposito di curiosità storiche: già tre volte in passato la Virtus ha chiuso una partita di andata di un doppio confronto con un pareggio. In due di queste occasioni, ha poi vinto al ritorno, cioè nella finale di Coppa Korac del 1992 con la Scavolini e nella Coppa Italia 1992/93 proprio contro la Fortitudo Bologna. Non andò bene invece nella Coppa Italia 1994/95 contro Milano, che vinse al ritorno dopo il pareggio dell'andata.

La squadra di Antimo Martino (coach che si è formato proprio a Roma con Jasmin Repesa, che peraltro è anche il tecnico con cui la Fortitudo vinse il campionato nel 2005) ha vinto il girone Est dominandolo e chiudendo matematicamente la stagione in anticipo. Il principale marcatore è l'americano Hasbrouck (16.4 punti di media) seguito da Cinciarini (13.8 punti) e dall'altro americano Leunen (11.2 punti e 7.6 rimbalzi).

Grande supporto arriva anche dall'ala Rosselli (10.7 punti e 4.7 assist), Fantinelli (9.5 punti e 6 rimbalzi), Pini (9.2 punti). L'ultimo arrivato in casa Fortitudo Delfino (9.1 punti) e il capitano Mancinelli (8.6 punti) con la loro esperienza riescono a dare il contributo fondamentale che serve in ogni partita. Chiudono il roster Benevelli, Venuto e Sgorbati. Coach Antimo Martino e il giocatore Guido Rosselli sono stati eletti miglior allenatore e miglior giocatore italiano del campionato di serie A2 2018-19, nell'ambito della quarta edizione dei Trofei Lnp. Martino e Rosselli sono stati i più votati da Presidenti, allenatori e capitani delle squadre di serie A2 e saranno premiati in occasione della partita di oggi.

Bucchi: «Mettiamoci grinta»

Queste le parole di coach Piero Bucchi alla vigilia del match: «Andiamo a Bologna in un Palazzetto a me molto caro, ci andavo fin da bambino e da bolognese mi ha sempre emozionato giocare lì. Sarà una partita in cui servirà molto impegno, sia noi che loro nel match d'andata abbiamo faticato a trovare la concentrazione, giocando con alti e bassi. Non sarà semplice, la Fortitudo in casa vorrà fare sicuramente meglio vista l'ultima sfida davanti al loro pubblico, noi d'altro canto ci metteremo più grinta».

Arbitreranno l'incontro i signori Daniele Yang Yao (Vigasio), Gabriele Gagno (Spresiano), Daniele Alfio Foti (Vittuone). Poi si comincerà a lavorare per il futuro, a cominciare da quello che sarà il nuovo assetto societario. Tutto il resto, soprattutto le questioni relative al budget per il mercato, verrà di conseguenza.