Spiegare la Roma di Fonseca con quattro foto: non è facile, ma ci si può provare. Difficile è individuare il confine tra il bene e il male. A volte sono facce della stessa medaglia, soprattutto quando si chiede maggior coraggio a una squadra già abituata a giocare votata all'attacco. Così da Di Francesco a Fonseca la sensazione è che la Roma sarà ancora più aperta, offensiva e aggressiva e aumenteranno così i rischi di un'esposizione alle immediate transizioni avversarie con almeno due occasioni a partita per gli altri con gli uomini liberati soli davanti al portiere. Ovviamente Fonseca lavorerà per evitare tutto questo e ridurre al minimo i rischi delle imbarcate. Ma la situazione al momento è quella fotografata nella gara di Perugia. Che qui vogliamo raccontare in quattro diapositive.

Mancini che bomber

Cominciando dalla prima che poi è l'ultima foto della serata del Curi: il gol del definitivo 3-1 realizzato da Mancini. Come si vede nella foto pubblicata qui sotto, il Perugia sui calci d'angolo va a marcare quasi completamente a uomo. E in questo caso basta una facile manovra di smarcamento (quelle più sofisticate prevedono blocchi "leciti" a liberare il miglior saltatore), come quella compiuta da Mancini stesso da solo per liberarsi del suo avversario, per presentarsi a saltare a un metro dal portiere in comodissima solitudine. E se la Roma potrà sempre sfruttare in attacco le doti dei suoi saltatori (persi De Rossi e Manolas, può sempre contare su Cristante, Fazio e Dzeko, a dire il vero più bravo a difendere di testa sui calci d'angolo contro che ad attaccare su quelli a favore; e ora appunto s'è aggiunto pure Mancini) va sottolineato come in difesa Fonseca per ora abbia schierato sempre i suoi giocatori rigorosamente a zona proprio per sfruttare le singole abilità e non temere le controffensive avversarie. Ma si può stare sicuri che puntuali al primo gol preso torneranno a farsi sentire quelli che sostengono che non si debba mai marcare a zona.

Squadra corta, pressing alto

Come si vede invece dalla foto più alta qui a destra, il tecnico portoghese vuole una difesa altissima sull'impostazione avversaria, per tenere una squadra molto corta a sostenere le pressioni più profonde possibili. Nell'immagine pubblicata, si vede chiaramente come sul giro palla avversario (l'abbrivio è dalla destra alla sinistra dell'azione dei rossi del Perugia), tutta la squadra romanista (in bianco) debba rapidamente cambiar lato proprio per andare ad attaccare tutti gli avversari e impedir loro di impostare la manovra correttamente. Fonseca chiede anche immediata riaggressione appena si perde palla: è un lavoro dispendioso se non coordinato, ma quando la squadra si sa muovere compatta, in realtà si corre meno perché si tiene maggiormente il pallone.

3 e 4 - Il 2-2-6 in impostazione

Come si vede bene dalle ultime due immagini, in possesso palla Fonseca vuole una squadra già tatticamente orientata verso l'attacco più profondo. Così con palla al portiere, i due centrali si "aprono" per la ricezione, i due registi si "abbassano" per offrire nuovi punti di riferimento e i terzini salgono altissimi affiancandosi agli attaccanti a formare una linea a 6 molto offensiva. Per facilitare meglio la visione dell'immagine, abbiamo cerchiato di rosso i 4 difensori, di bianco i due registi, di giallo gli attaccanti esterni (molto accentrati) e di blu gli attaccanti centrali. Nell'ultima foto i 6 uomini offensivi perfettamente allineati con palla scaricata da Spinazzola verso Pellegrini: anche Florenzi dalla parte opposta resta altissimo. Bello, ma i rischi se si sbaglia qualcosa e se il palleggio è lento sono evidenti.

Visualizza questo post su Instagram

📝 TATTICAMENTE 📝 Di @danielelomonaco Attenzione ai dettagli: nella prima foto, il marcatore di Mancini richiama l'attenzione dell'arbitro dopo che il romanista gli è sfuggito e va a segnare in splendida solitudine il gol del definitivo 3-1: sono gli incerti della marcatura a uomo su calcio d'angolo avversario. Nell'immagine successiva, la difesa molto alta sul tentativo di pressing: ma gli attaccanti devono essere bravi a chiudere ogni possibile linea di passaggio nel tempo più rapido,altrimenti il pressing così alto si rivela controproducente. Nelle altre due foto, la costruzione dal basso e nella metà campo avversaria con sei giocatori pronti ad attaccare praticamente in linea: sono i due terzini sulla fascia più laterale, i due attaccanti esterni che in realtà giocano molto dentro al campo e i due attaccanti centrali. Per dare maggior varietà nell'evoluzione del gioco, a turno i vari giocatori dovranno essere bravi ad attaccare la profondità alternando il movimento incontro al pallone. Tutto questo aumenterà l'imprevedibilità della manovra #ASRoma #IlRomanista

Un post condiviso da Il Romanista (@ilromanistaweb) in data: