Se siete tifosi della Roma e vi capita di fare un giro a Siviglia fate un capolino al "Guevara e Linch Bar" al centro della città, lì saranno pronti ad accogliervi i frequentatori del Roma Club di Siviglia per seguire insieme le partite dei giallorossi.

"Questo Roma Club nasce circa un paio d'anni fa, per riunire la passione dei tifosi romanisti che vivono in questa città - spiega il fondatore del Roma Club Valentino Garosi – Inizialmente era nato tutto sotto un basso profilo, giusto per non vedere le partite a casa da soli, ma poi l'anno scorso con le prestazioni della Roma in Champions League l'atmosfera si è fatta elettrizzante e siamo diventati numerosi, con molti turisti di passaggio che si fermavano a vedere le partite"

La notte di Roma-Barcellona

"Devo essere sincero - rivela Valentino - dopo la partita d'andata non ci credevo, sebbene sapevo che il risultato di 4-1 fosse immeritato mai avrei pensato a una rimonta simile. Lo confesso inizialmente la partita non la volevo vedere, ero troppo sfiduciato, ma poi dopo il primo tempo non ce l'ho fatta e ho raggiunto gli altri al locale, è stata una serata inaspettata, bella e indimenticabile"

Monchi

Una città, Siviglia, che richiama alla mente il direttore sportivo spagnolo da poco tornato in patria dopo la breve parentesi capitolina. Valentino racconta l'impressione del Ds avuto dalla Spagna: "Con i miei amici romani è stato spesso oggetto di discussione, in Spagna non è arrivata la polemica che si stava scatenando in Italia. Al suo ritorno qui è stato accolto come un eroe, un genio incompreso. In realtà lui ha sempre agito così anche quando era al Siviglia: comprava 20 giocatori e 2 di questi si rivelavano forti, secondo me il suo problema è stato il salto di categoria. Con la Roma, che è un grande club, se spendi 40 milioni per un giocatore e poi si rivela un flop sono tanti soldi buttati  e la tensione  inizia a farsi sentire, al Siviglia Monchi non ha mai lavorato con quelle cifre"