Casa dolce casa. La Roma ritrova il proprio stadio, anche se si tratta "soltanto" dell'Olimpico. Lì bisognerà riprendere il cammino da dove si era interrotto, dalla settimana storta contro le due torinesi. Perché fino alle giornate prenatalizie, i giallorossi marciavano a ritmi speditissimi. Tanto da essere ancora oggi, nonostante la battuta d'arresto dell'Allianz Stadium, in piena corsa per le posizioni di vertice, considerando anche la partita da recuperare con la Sampdoria il prossimo 24 gennaio. Ovvero subito dopo la sosta invernale, quest'anno posticipata al termine delle festività. Prima però c'è da sfruttare il fattore casalingo. Il calendario propone un doppio impegno casalingo, in coincidenza con il giro di boa del campionato. Nell'ultima d'andata - che è anche la gara che chiuderà il 2017 - è in programma la visita nella Capitale dell'ex squadra di Di Francesco, quel Sassuolo rigenerato dalla cura-Iachini, ma contro il quale i tre punti devono rappresentare un imperativo assoluto. Poi toccherà all'Atalanta, nella partita che aprirà il girone di ritorno nel giorno dell'Epifania. Due sfide ampiamente alla portata, ma al tempo stesso da non sottovalutare, soprattutto nella prima fase problematica della gestione difranceschiana. D'altra parte nel corso dell'anno solare (con entrambi gli allenatori che si sono avvicendati sulla panchina), la Roma ha avuto un ruolino di marcia notevole in casa, avendo collezionato 14 vittorie su 19 partite disputate, corredati da 38 gol realizzati a fronte di 18 incassati. Non solo: restando alla stagione in corso, i giallorossi vantano sette successi nelle nove gare giocate all'Olimpico. E la striscia relativa al campionato è arrivata a cinque vittorie casalinghe consecutive, impreziosite dalla perla del derby. Una sequenza che la Roma può e deve incrementare, con l'aiuto del proprio pubblico. La Sud sarà piena come sempre. E come sempre non farà mancare il suo apporto, visivo e canoro. Anche a Torino i tifosi romanisti hanno giganteggiato: l'ormai famoso coro «Voglio solo star con te» ha rimbombato nella tana bianconera. Con gli ipercritici da social tornati alla ribalta negli ultimi giorni (puntualissimi appena le cose non vanno come ci si attende), è nelle mani e nella voce della Curva il sostegno alla squadra e ai giocatori maggiormente in difficoltà in questo periodo.

 FUOCO OLIMPICO

Le prossime due sfide casalinghe non saranno accompagnate dalle promozioni che sono state lanciate dell'ultimo mese. Finora sono stati venduti undicimila biglietti per il Sassuolo, che sommati agli abbonati garantiscono circa trentaduemila presenze. Ma la Roma si sta prodigando per chiamare a raccolta il pubblico e recuperare il fattore-Olimpico. La conferma arriva dal responsabile ticketing Carlo Feliziani, che ha parlato ieri dalle frequenze di Roma Radio: «La riapertura della campagna abbonamenti per il girone di ritorno ha avuto molto successo, si esaurirà proprio in occasione del match del 6 gennaio, Roma-Atalanta. Ovviamente sono in vendita anche i biglietti singoli per le prossime due partite». La fine delle promozioni potrebbe scoraggiare un afflusso cospicuo di pubblico. Feliziani ha spiegato il motivo della mancata proroga. «Studiamo in continuazione nuove iniziative e comunque manterremo quelle già apprezzate. Non potremo ripeterle all'infinito perché ovviamente noi garantiamo soprattutto i nostri fidelizzati: gli abbonati sono l'aspetto più importante per noi».

Fra i prossimi impegni casalinghi, spicca anche quello con lo Shakhtar, sia pure ancora all'orizzonte. «Abbiamo deciso di prolungare il periodo di prelazione concesso ai titolari del mini abbonamento Champions. Ci sono arrivate molte richieste in tal senso, anche se il periodo concesso loro era già abbastanza lungo. La scadenza era in programma il 7 gennaio, quindi abbiamo deciso di allungare di una settimana. La prelazione dall'8 al 14 gennaio, che con una formula diversa varrà anche per i possessori dell'abbonamento di campionato, non potrà tuttavia garantire l'assegnazione del proprio posto, possibile invece fino al 7 gennaio». Da oggi in vendita anche i biglietti per la gara d'andata, in Ucraina: «Per il Metalist Stadium avremo circa 2000 tagliandi a disposizione. La fase preliminare sarà dedicata a coloro che hanno i tre biglietti per le precedenti trasferte e coloro che hanno effettivamente fatto la trasferta di Baku, perché molti hanno comprato il biglietto ma non ci sono andati; vogliamo garantire quei pochissimi che sono partiti. Raggiungere Charkiv non è facile senza voli diretti. Ma il prezzo è favorevole: 7 euro».