A
Addio. 28 maggio 2017. Dopo quasi 25 anni con la stessa maglia, Francesco Totti dice per sempre addio alla Roma e al calcio al termine della partita contro il Genoa, vinta allo scadere 3-2 grazie a un gol di Perotti.

B

Bomber. Genovese di nascita, Roberto Pruzzo inizia a giocare a calcio nelle giovanili del Grifone. Nel 1973 esordisce in prima squadra e resta al Genoa fino al 1978 quando passa alla Roma.

C
Conti. Dopo le prime due stagioni in maglia giallorossa, nel 1975 Bruno Conti si trasferisce un anno in prestito in Serie B al Genoa, dove torna nel 1978 come contropartita dell'affare-Pruzzo. Nel 1979 rientra stabilmente a Roma: è l'inizio della sua leggenda.

D
«Daje roma daje». Il 5 aprile 2008 la Roma di Spalletti conduce 2-0 contro il Genoa, ma in due minuti viene ripresa sul 2-2 dai rossoblù. Ma all'80' De Rossi trasforma il rigore della vittoria e si lascia andare a una delle esultanze più genuine e romaniste della sua carriera.

E
Esordio. Contro il Genoa all'Olimpico Paulo Fonseca ha allenato la sua prima partita ufficiale sulla panchina della Roma il 25 agosto 2019 (3-3).

F
Finale. È il Genoa l'avversario della Roma nella prima finale di Coppa Italia della nostra storia: il 6 giugno 1937 i giallorossi perdono 1-0 sul neutro di Firenze.

G
Garbutt. Primo allenatore della storia della Roma, William Thomas Garbutt è alla guida del Genoa dal 1912 al 1927: in rossoblù vince tre scudetti.

H
Heroes. «Possiamo essere eroi, anche per un solo giorno» canta Bowie. L'8 maggio 1983 i giocatori della Roma eroi ci diventano davvero, ma per sempre. L' 1-1 ottenuto a Marassi contro il Genoa (oggi si gioca all'Olimpico, speriamo ci concediate l'eccezione) vale uno Scudetto atteso oltre 40 anni.
insieme

I
Insieme. Per via della grande amicizia che lega le tifoserie di Roma e Genoa negli Anni 80, l'incontro dell'8 maggio è una grande festa: i giallorossi celebrano il Tricolore, i padroni di casa la salvezza.

L
Lealtà. Dopo 13 anni e uno Scudetto, nel 2003 Aldair lascia la Roma. Due le opzioni: il Bologna in Serie A o il Genoa in B. Per non dover giocare contro il suo passato, Pluto sceglie la serie cadetta e firma per il Grifone.

M
Masetti. L'8 maggio 1983 a Marassi il veronese Guido Masetti festeggia lo Scudetto della sua Roma: «Finalmente iniziamo a togliere qualcosa al Nord...»

N
Nela. Nato nella provincia di Genova come Pruzzo, a 17 anni Sebino Nela esordisce nella prima squadra del Genoa. Dopo tre stagioni viene acquistato dalla Roma, dove resta fino al 1992. Vince lo Scudetto e tre Coppe Italia.

O
Orecchio. Il 17 gennaio 2010 Luca Toni ha fatto roteare due volte la mano vicino all'orecchio per festeggiare i primi due gol con la maglia della Roma segnati al Genoa.

P
Panucci. Cresciuto nelle giovanili del Genoa, dopo l'esordio in Serie A con la maglia rossoblù Christian Panucci si trasferisce al Milan. Dopo esser passato per Real, Inter, Chelsea e Monaco, nel 2001 arriva alla Roma, dove resta fin o al 2009.

Q
Quattordici. Prima del 3-3 della 1a giornata dello scorso campionato, la Roma aveva vinto le ultime 14 gare casalinghe con il Genoa.

R
Ritorno. Arrivato a Roma in punta di piedi, a Kevin Strootman sono bastate poche partite per entrare nel cuore dei tifosi giallorissi che ancora oggi faticano a perdonare la sfortuna che tanto si è accanita su di lui. Oggi torna da ex allo stadio Olimpico.

S
Signorini. Dopo una stagione con la maglia della Roma, Gianluca Signorini passa al Genoa nel 1988 e vi resta fino al 1995, divenendone capitano e bandiera. La sua prematura scomparsa non scalfisce il ricordo nei cuori dei tifosi della Gradinata Nord.

T
Tormentone Torrente. Prima di Berardi, Adriano e Davids, un altro tormentone ha accompagnato le sessioni del mercato giallorosso: Vincenzo Torrente, terzino del Genoa, uno dei più famosi "quasi" romanisti.

U
Uruguaiano. Il 17 gennaio 1990 un gol dell'uruguaiano Carlos Aguilera vale l'1-0 con cui il Genoa vince in Serie A in casa della Roma dopo quasi 40 anni (18 marzo 1951).

V
Volée. L'8 febbraio 2009 Mirko Vucinic sfrutta un delizioso assist di De Rossi per segnare il momentaneo 2-0 contro il Genoa con uno splendido sinistro al volo.

Z
Zero. Nelle cinquantanove precedenti sfide casalinghe, la Roma non aveva mai affrontato il Genoa alla 26a giornata.