Dieci giorni a ranghi ridottissimi dunque per la squadra, che si ritroverà questa mattina alle 11 sui campi del "Fulvio Bernardini" per riprendere la preparazione in vista dell'ultimo decisivo ciclo stagionale, quello che dopo la sfida contro i neroverdi proporrà i quarti di finale di Europa League e vedrà entrare nel vivo la volata finale verso le coppe del prossimo anno. Dieci giorni che diventeranno fondamentali anche per avere conferma del ritorno dei tre big assenti nelle ultime settimane - Smalling, Veretout e Mkhitaryan - annunciato da Fonseca in conferenza alla vigilia del match con il Napoli. Se non ci saranno ulteriori complicazioni, saranno tutti a disposizione già alla ripresa. E in attesa di verificare le condizioni di Cristante (oltre a quelle di Dzeko, uscito domenica dal campo con una noia al flessore e affidato ora alle attenzioni dello staff della Bosnia), bisognerà cominciare a pensare ai cambi obbligati per le squalifiche che scatteranno ai danni di Ibanez e Villar, ammoniti nell'ultima gara contro gli azzurri. Differenti i problemi dell'attacco, legati un po' alla fase di scarsa forma degli interpreti, un po' a tutta una fase offensiva che ultimamente sembra andare a rilento (come trattato nel dettaglio in altre pagine del giornale). In questo senso il recupero dell'armeno può risultare determinante in prospettiva del momento cruciale della stagione.