Qui Trigoria

Roma-Trastevere: è di Smalling il primo gol, Zaniolo rimane in tribuna

Il primo test amichevole è finito 5-0 per l’undici dello Special One. A segno l’inglese, El Shaarawy, Shomurodov e Volpato (2). Assente il 22

Smalling con la fascia da capitano nell'amichevole contro il Trastevere

Smalling con la fascia da capitano nell'amichevole contro il Trastevere (As Roma via Getty Images)

Matteo Vitale
10 Luglio 2022 - 10:09

Buona la prima a Trigoria per José Mourinho e i suoi. Poco più di un allenamento, il primo test per i giallorossi è finito 5-0, un risultato tondo tondo, nell’amichevole dentro le mura del Bernardini che ha sancito l’inizio della serie di gare che porteranno la squadra all’esordio stagione in campionato. Fra i giocatori scesi in campo non c’era Zaniolo, era in tribuna: un’assenza che ha fatto discutere fin dall’istante in cui è uscita la notizia: "Non è neanche in panchina". La società ha fatto sapere che il motivo dell’assenza è un problema alla schiena, lombalgia, notizia che non ha trovato conferme da ambienti vicini al giocatore. Per quanto riguarda il campo, Mourinho ha iniziato la gara con El Shaarawy e Felix in attacco, ma il primo gol del ritiro giallorosso lo ha segnato un difensore e non una punta: ci ha pensato Chris Smalling, che ieri indossava la fascia generalmente portata al braccio da Pellegrini.

Il primo undici stagionale, anche se la Roma considera la gara di ieri come un test e non come un’amichevole, è sceso in campo con la difesa a 3, con il modulo dello scorso anno. Questa la formazione che ha iniziato il match: Svilar; Bove, Smalling, Calafiori; Karsdorp, Faticanti, Veretout, Zalewski; Carles; Felix ed El Shaarawy. Confermato lo stesso assetto anche nel secondo tempo, nonostante i tanti cambi, fisiologici, per dare minuti a tutti e per vedere da vicino i progressi dei ragazzi della Primavera. In difesa adattati sia il centrocampista numero 52 sia il terzino numero 13, tornato dal prestito al Genoa.

Dell'inglese, quindi, il primo gol del ritiro giallorosso, una di quelle informazioni tanto care ai tifosi: di testa, su calcio d'angolo. La Roma riparte dunque nel segno dei calci piazzati, uno dei tratti distintivi della scorsa stagione dei ragazzi dello Special One. Il secondo gol lo ha segnato El Shaarawy, con un gran bel tiro a giro dalla lunghissima distanza. Il terzo gol lo ha segnato Eldor Shomurodov, al termine di un’azione individuale: l’uzbeko ha anche sbagliato un calcio di rigore, parato dal portiere avversario. Il quarto e il quinto gol sono stati segnati da Cristian Volpato, il giocatore che tanto piace al Sassuolo, assistito da Francesco Totti. Nella ripresa, fra i tanti subentrati, è spiccato Nemanja Matic, descritto come "in grande forma", al pari di El Shaarawy e di Smalling dalle (poche) persone presenti in campo. Il Trastevere avrebbe dovuto iniziare il precampionato il 25 luglio, ma per giocare contro la Roma a Trigoria molti dei loro giocatori hanno scelto di tornare dalle vacanze e farsi trovare pronti. 

Come detto, ieri l’unico assente tra i big giallorossi era Nicolò Zaniolo, come al solito il giocatore più atteso dai tifosi (tanti, più di cinquanta) che già qualche ora prima del fischio d'inizio del test a porte chiuse si erano appostati all'esterno dei cancelli di Trigoria. La sua assenza potrebbe essere dovuta a motivi di mercato, questione della quale ovviamente i tifosi non sono all’oscuro. Non appena ha iniziato a circolare l’indiscrezione della sua assenza dal campo, i tifosi hanno iniziato a domandarsi il perché, ma molti sembrano essersene fatti una ragione. All’uscita dal centro sportivo Fulvio Bernardini, come nei giorni precedenti, c’erano tante maglie del numero 22, il più richiesto per autografi e foto. Quando la sua macchina si è fermata, cosa che all’uscita succede ormai giorno, molti hanno chiesto a lui e a suo padre Igor (che poco prima del fischio finale del test si è recato a Trigoria per andare a riprendere il figlio): "Ve ne andate?". Qualcuno gli ha detto: "Noi non ce lo dimentichiamo il gol finale, non lo scorderemo mai, non farlo neanche tu", altri hanno provato a parlare con il padre, che ha scelto di non sbilanciarsi. Fra i presenti, c’erano tanti bambini anche per il capitano: "Ma c'è Pellegrini? Quando arriva?", domanda ricorrente ai genitori. C’è tanta voglia di Roma, di tornare ad abbracciarsi dopo la festa al centro di Roma, voglia che nei prossimi giorni sarà saziata con le prime vere amichevoli precampionato. Oggi, intanto, riposo per tutti

© RIPRODUZIONE RISERVATA