La partita

Primavera: Frosinone-Roma 1-3, siamo ancora primi ma che Fatica(nti)

Il capitano sblocca una gara molto complicata. Raddoppia Pisilli, accorcia Maestrelli jr, poi rigore di Pagano al 100’ per la vittoria dei giallorossi

Faticanti in azione con la maglia della Roma

Faticanti in azione con la maglia della Roma

06 Novembre 2022 - 12:48

Vince 3-1 e rimane prima la Roma Primavera, ma non è stato facile: il Frosinone, che era secondo in classifica a -2 dai giallorossi e ospitava lo scontro diretto, ha venduto molto cara la pelle, dimezzando lo svantaggio al 90’ con un colpo di testa del centrale difensivo Maestrelli, arrivato dal Tor di Quinto nel 2018, nipote di Tommaso, ex giocatore della Roma e tecnico della Lazio. E i 4’ di recupero sono diventati 10, tra gialli per tempo perso, l’allontanamento del tecnico di casa, e nel recupero del recupero, un fallo in area del portiere ciociaro, con espulsione, rigore, proteste, panchine in campo e accenno di rissa. La Roma sale a 26 punti, il Frosinone resta a 21, a 23 c’è la Juventus, che però deve ancora giocare, un inusuale posticipo di lunedì sera contro l’Inter: poi, alle 13 di sabato prossimo, verrà al Tre Fontane nella sfida più importante dell’intero girone di andata. Guidi schiera il 2005 Joao Costa al posto di Cherubini, che oggi andrà in panchina con Mourinho, che si è preso da qualche settimana anche Tahirovic: al suo posto c’è Pagano. Gorgone mischia un po’ le carte, rinunciando al trequartista per schierare lo stesso 4-3-3 dei giallorossi: in cabina di regia c’è Matteo Bruno, 8 anni a Trigoria, tra il 2012 e il 2020, che sarà il migliore dei suoi. Poco da segnalare in avvio: una punizione di Pagano sulla barriera, un paio di conclusioni alte di Selvini, un errore con i piedi del portiere di casa Palmisani, con Cassano che controlla ma non calcia in porta, prova a servire un compagno, e l’azione sfuma. Al 17’ la difesa di casa toglie palla (in maniera rivedibile) a Satriano e lancia in profondità Selvini, che è bravo ad aggirare Chesti in velocità, ma calcia con il destro, senza inquadrare la porta. Ancora Selvini pericoloso al 21’, ancor più di prima: aggira Baldi in uscita bassa, la sua conclusione viene respinta davanti alla porta vuota da una fondamentale scivolata di Keramitsis. Pisilli va al cross, Satriano colpisce di testa, Palmisani blocca ma l’assistente aveva la bandierina alzata. Al 27’ ottimo spunto palla al piede di Pagano, destro rasoterra da fuori, respinge il portiere dei ciociari, che si supera pochi minuti dopo, su un destro di prima intenzione di Pisilli, servito da un cross basso di Cassano: nell’azione successiva sulla respinta del portiere c’è Keramitsis che spinge in rete, ma il difensore giallorosso era in posizione irregolare.

I gol

Al 38’ il vantaggio dei giallorossi: angolo di Pagano, Selvini nel tentativo di allontanare prolunga di testa, finendo per servire Faticanti, che deve abbassarsi un po’ per metterci la fronte, e spingere in rete da distanza ravvicinata. Primo gol in campionato per il capitano, arrivato a Trigoria nel 2018 proprio dal Frosinone, con cui non aveva firmato il vincolo (cosa che ha condizionato a lungo i rapporti tra i due club, rendendo impossibile il passaggio di Selvini alla Roma, che ripiegherà su Alemanji). Il resto del primo tempo offre poco, la ripresa si apre con Cherubini al posto di un poco incisivo Joao Costa, e dopo 4’ con una ripartenza di Pisilli, interrotta con un brutto fallo da dietro da Milazzo: l’arbitro lo considera fallo tattico, punendolo col giallo, tra le proteste della panchina, che chiedeva un rosso sacrosanto. Proprio Milazzo, nell’azione successiva, pesca bene Selvini in area, il centravanti non ne approfitta. Fallo tattico di Faticanti per fermare una ripartenza di Maestrelli: arriva il giallo, e Guidi lo richiama in panchina, dentro Vetkal. Cassano si libera bene per il sinistro da fuori, mancando di poco il bersaglio, Guidi cambia il centravanti (Padula per Satriano) senza particolari miglioramenti, a 20’ dalla fine arriva il raddoppio, al termine di una bella azione manovrata, avviata da una palla recuperata da Vetkal, rifinita da Pagano e conclusa da un bel diagonale col destro di Pisilli. Alla mezz’ora, sull’ennesima azione avviata da Bruno, un destro di Selvini finisce in rete, ma l’assistente annulla per fuorigioco. Un’ottima palla gliela mette sulla testa il neo entrato Nicola Mulattieri (fratello di Samuele, ex Spezia e Inter Primavera, pure lui a Frosinone ma in prima squadra), Baldi perde una frazione di secondo nel tempo dell’uscita, ma l’attaccante non inquadra lo specchio. La squadra di casa merita il gol, e lo trova al 90’, con un preciso colpo di testa di Maestrelli, su cross di Gozzo: terzo gol stagionale per il classe 2003, che ha già uno spezzone in serie B, ad aprile contro il Lecce. Il recupero sembra non finire mai, il Frosinone si riversa in avanti, un tiro Jirillo manca di poco il palo, la Roma soffre, ma al 95’, nel minuto di recupero aggiunto, Cherubini parte in contropiede, aggira il portiere che però gli tocca il pallone. Aveva seguito l’azione il difensore centrale Chesti, che riprende palla, e stavolta la mano del portiere finisce sul piede. Rigore ed espulsione, proteste, atmosfera tesa, i minuti passano, poi Bruno lascia il posto all’ex milanista Di Chiara, che va tra i pali, intuisce il tentativo di Pagano, ma non riesce a toglierlo dalla porta. E finalmente tutti negli spogliatoi, senza neanche passare dal centrocampo per battere.

© RIPRODUZIONE RISERVATA