Processo sempre più vicino per Gianfranco Fini. La Procura di Roma ha chiuso l'inchiesta e depositato gli atti in merito alla vicenda di presunto riciclaggio che coinvolge l'imprenditore dei videogiochi Francesco Corallo, l'ex leader di An e presidente della Camera Gianfranco Fini, della sua compagna Elisabetta Tulliani e del fratello, il manager Giancarlo, da tempo a Dubai e sfuggito all'applicazione di una misura cautelare.

In genere la formale chiusura delle indagini prelude alla richiesta di rinvio a giudizio. La vicenda è quella per cui nel febbraio scorso il gip Simonetta D'Alessandro aveva emesso un decreto di sequestro per equivalente pari a oltre 7 milioni di euro relativo a beni immobili, mobili e conti correnti, riconducibili alla famiglia Tulliani.

E due mesi dopo, il giudice ha anche ordinato il sequestro di due polizze vita del valore complessivo di 934mila euro, riferibili all'ex presidente Fini. Secondo gli accertamenti del procuratore aggiunto Michele Prestipino e del pubblico ministero Barbara Sargenti il denaro sarebbe stato veicolato da Corallo a Tulliani allo scopo di agevolare la sua attività ed interessi.

Tra le intese c'è anche l'ormai noto appartamento di Montecarlo donato dalla contessa Anna Maria Colleoni al Msi e poi in breve ceduto a Tulliani jr per un valore di molto inferiore rispetto a quello che fu poi venduto alla fine. Fini da parte sua ha sempre negato ogni coinvolgimento.

L'indagine, lo ricordiamo, nasce da un approfondimento investigativo dell'attività che aveva condotto il 13 dicembre scorso, all'arresto di Francesco Corallo, Rudolf Theodoor Anna Baetsen, Alessandro La Monica, Arturo Vespignani e Amedeo Labocetta ritenuti capi e partecipi di un'associazione a delinquere a carattere transnazionale, dedita ai reati di peculato, riciclaggio e sottrazione fraudolenta al pagamento delle imposte.

Il profitto illecito dell'associazione, una volta depurato, secondo chi indaga sarebbe stato impiegatoda Francesco Corallo inattività economiche e finanziarie, in acquisizioni immobiliari, e destinato anche ai membri della famiglia Tulliani. La notizia dell'avviso di conclusione delle indagini non sembra aver colto di sorpresa l'ex presidente della Camera dei deputati. «Spero ovviamente che accada in tempi brevi, ma attendo comunque con fiducia che la magistratura accerti l'infondatezza delle accuse ipotizzate a mio carico». Questo il breve commento di Gianfranco Fini.