Un anno fa certo nessuno a Trigoria immaginava di stare qui, ora, a cercare un nuovo portiere. Il flop Olsen è stato eclatante, ridimensionato solo in parte dalla garanzia che si è dimostrato Mirante che, quando finalmente è stato chiamato in causa, ha dimostrato di poter rappresentare più di un semplice dodicesimo. Ma ora il problema resta, la Roma ha bisogno di un estremo difensore in grado di garantire presente e futuro.

In questo senso la Roma si sta muovendo da tempo per Alessio Cragno, venticinquenne portiere del Cagliari che, peraltro, ha appena prolungato il suo contratto con il club sardo portando la scadenza al trenta giugno del 2024. Per venderlo, nel caso, meglio? Non è certo da escludere visto che il Cagliari per il suo portiere continua a chiedere tra i 25 e i 30 milioni. Che è quasi come dire, ce lo teniamo noi.

L'altro nome forte per la porta romanista, è quello di Sirigu, contratto con il Torino fino al 2022. Qui il problema, però, è il club di appartenenza perché con la vicenda Petrachi in corso, appare perlomeno difficile andare a trattare con Cairo. Di sicuro il presidente granata chiede una cifra sovradimensionata rispetto al valore del cartellino.

Più semplice sarebbe trattare con la Fiorentina il cartellino del polacco Dragowski che nell'ultimo campionato ha fatto bene con l'Empoli. Il costo non supererebbe i dieci milioni e con Mirante costituirebbe una coppia anagraficamente più giusta. Un altro nome che si è fatto a Trigoria è quello dell'olandese Cillessen il vice di Ter Stegen al Barcellona.