«Caro direttore, ci serve un terzino sinistro». Mourinho, come è sua abitudine, non si è certo nascosto dietro le parole nel corso della sua prima conferenza stampa da tecnico giallorosso. E l'unico passaggio autentico di mercato, lo ha dedicato, tra elogi a Calafiori e dispiacere per Spinazzola, proprio al ruolo di esterno sinistro. Pinto ha incassato con un sorriso, rispondendo con una dichiarazione rassicurante per l'allenatore e i tifosi romanisti: «Ecco Mourinho, credo basti questo. Oggi è un giorno molto felice per noi. È il primo step di un cambiamento di mentalità. Aspettiamo tante cose buone nei prossimi tre anni. La carriera di Mourinho parla per lui. Ringrazio Dan e Ryan per aver colto l'opportunità di portarlo alla Roma, ringrazio Mourinho per essere qui e per aver creduto nel nostro progetto. Dico ai tifosi che l'energia a Trigoria è stata alta fin da questa prima settimana di Mourinho e siamo contenti di far crescere la Roma con lui. Limite al budget di mercato? Mi aspettavo questa domanda, abbiamo fatto un'analisi della squadra, sappiamo tutti di cosa abbiamo bisogno, ma sappiamo anche che lavorare in questo calciomercato è complicato. Stiamo lavorando ogni giorno per trovare la soluzione ma l'analisi è stata fatta, sicuramente alla fine del mercato avremo una squadra degna di Mourinho».

E se sarà degna di Mourinho, potremo stare più tranquilli. Per esserlo, allora, sarà necessario, tra le altre cose, acquistare un esterno basso sinistro che possa perlomeno ridimensionare il lungo stop di Spinazzola. Il nuovo reparto scouting della società, ha già proposto a Pinto una serie di nomi. E molti, di nomi, sono stati già fatti. Di sicuro tra i papabili, c'è Emerson Palmieri, ragazzo che da queste parti abbiamo già conosciuto. Il Chelsea vuole sedici milioni, ma il vero ostacolo è rappresentato dal Napoli di Luciano Spalletti che, ieri, nel corso della conferenza stampa per la sua presentazione, non ha smentito di aver contattato personalmente Palmieri. Con il Chelsea, comunque, il canale di comunicazione da Trigoria continua a essere aperto. Intanto per Marcos Alonso che rimane un esterno che piace, ma anche per un altro giocatore che ha già vestito la nostra maglia. Cioè Davide Zappacosta. Va in scadenza il prossimo anno, può giocare sia a destra che a sinistra, potrebbe essere il giocatore giusto per mettere in piedi uno scambio con Alessandro Florenzi. L'ex Capitano, peraltro, può rappresentare il giocatore giusto per uno scambio anche con l'Inter con D'Ambrosio, pure lui in grado di giocare su entrambe le fasce.