Gonzalo Villar ha rilasciato una lunga intervista ad As.com. Il centrocampista spagnolo ha tracciato un bilancio del suo primo anno in Italia con la maglia della Roma:

Sei in Italia da un anno ormai, come stai?
"Sto molto bene e sono nel momento migliore della mia carriera".

Per tanti motivi la partita contro la Juventus è molto importante per te.
"La squadra è pronta. Siamo riusciti a tornare noi stessi dopo alcune settimane difficili. Vedo la squadra che sta molto bene psicologicamente. Siamo tornati a vincere, ritornando al nostro gioco, qualcosa che ci era costato la sconfitta nelle due partite precedenti".

La Juventus di Pirlo è una squadra asimmetrica che difende con due linee da quattro, ma imposta con i tre dalla difesa. Come si fa a farle male?
"Abbiamo lavorato molto in base al nostro gioco e cercando i suoi punti deboli, e ne ha pochi perché è una grande squadra. Abbiamo una tattica molto definita con la quale abbiamo fatto male alla maggior parte delle squadre. Siamo terzi in campionato per merito nostro. Per quanto la Juventus sia forte, non dovremmo impressionarci, ma piuttosto dare il massimo livello del nostro gioco".

Per come giocano le due squadre sarà una lotta per tenere il pallone.
"È la base del nostro gioco. Ecco perché ho deciso di sposare questo progetto. Il tempo mi sta dando ragione. Anche loro vogliono la palla e hanno persone per conquistarla. Sarà una grande battaglia per imporre lo stile di gioco".

Davanti a te e Veretout ci saranno probabilmente Arthur, Rabiot e Mckennie che ha avuto un grande impatto anche nell'area dell'avversario.
"Il loro centrocampo ha qualità. Conosco bene Arthur, gli piace avere il pallone ed è molto difficile toglierlo. Si integra bene con Bentancur o Rabiot, e poi c'è il fattore McKennie. Gioca con molta intensità per tutto il campo. Devi essere attento. Ma il nostro centrocampo è molto forte e pronto per la battaglia. Abbiamo l'assenza di Pellegrini, che per noi è un giocatore importante, ma chi giocherà lo farà molto bene".

In campionato la Roma è accusata di aver mancato una vittoria contro i grandi. Vincere contro la Juve può essere una svolta?
"Sarebbe un buon punto di svolta. Finora siamo stati impeccabili contro la maggior parte delle squadre. Ma quando sono arrivati i diretti rivali dovevamo essere noi stessi, che è ciò che ti porta a vincere. Contro l'Inter siamo stati molto bravi, anche con Milan e Juve all'andata. Ma ci manca quella vittoria contro una grande che dimostra che questa squadra gioca bene contro tutti e che siamo capaci di essere al top".

Nello spogliatoio si parla di lotta per il titolo?
"Sarebbe un errore pensare così. L'obiettivo principale è entrare in Champions, ma non diciamo di no a niente. Non abbiamo paura, ma andiamo partita per partita. Siamo terzi e la mentalità è quella di recuperare il ritardo dall'Inter, che è seconda (intervista fatta prima che l'Inter giocasse a Firenze, ndr). Recuperare il ritardo da quelli che sono davanti a noi. Ovviamente sarebbe bello essere in lotta per il titolo a fine stagione".

La squadra sta attraversando un momento difficile che si è concluso con un cambio di capitano. Tiago Pinto ha spiegato che Dzeko non è più il capitano. Come vedi questa decisione e che cosa è successo?
"Penso che non sia un argomento di cui dovrei parlare. Ne ha già parlato Tiago Pinto. La Roma è una famiglia e sia lo spogliatoio che tutti i livelli che compongono il club vanno insieme".

La tua crescita in Italia non potrebbe andare meglio. A 22 anni ti sono state consegnate le chiavi della squadra e i tuoi compagni ti cercano costantemente in campo.
"Il mio obiettivo era quello di essere un giocatore importante qui e devo essere grato allo staff tecnico per la fiducia che mi hanno dato. Glielo restituisco in campo, aiutando la squadra. Mi dà molta fiducia che i compagni mi cerchino, anche sotto pressione. Sanno che possono dare la palla a me perché posso uscire e far giocare la squadra da una parte all'altra. Non mi occupo di fare gioco, ma di stabilire il ritmo".

I numeri dicono che sei il giocatore della Roma che tocca di più la palla in partita. Nasce o si acquisisce una responsabilità come questa?
"L'altro giorno ne parlavo con Borja Mayoral. Penso di essere cresciuto in personalità, nel senso che entro in partita con l'idea che devo rapportarmi alla palla di più e meglio, senza andare ad occupare lo spazio di un compagno di squadra, ovviamente. Ma essere sempre un'opzione per passare la palla, riceverla e dare di nuovo un'opzione al compagno di squadra. Preferisco toccare la palla 100 volte in una partita, come nella partita contro il Parma, che credo sia stato il mio record, facendo giocare bene la squadra, che toccandola 20 e segnando il gol della vittoria. Sono più felice così. A poco a poco ho più personalità in questo senso".

Ma non solo, sei anche quello che contrasta di più per 90 minuti. Non eviti il corpo a corpo.
"Questo lo sto migliorando. Da più giovane difendevo molto poco. Mi sentivo come se fossi un giocatore di qualità, ma è sempre stato il mio partner a fare il lavoro sporco. Poi ti rendi conto nel calcio professionistico che questo non può andare bene e tanto più nella posizione in cui sto giocando ora. Giocando con Veretout, lui ha più libertà di pressare e io, oltre a calciare il pallone e mantenere la posizione più a lungo, devo fare un lavoro più difensivo. Questa è una delle cose che ho provato di più. La palestra mi sta aiutando, sono più preparato a vincere duelli, a saltare di testa o ad andare in scivolata, cosa che mi piace molto. Mi sta rendendo molto più completo".

Ma ciò che affascina di più l'Italia è il modo di proteggere la palla, il dribbling difensivo per uscire dalla pressione. Non c'è centrocampista come te in Italia, con un volume così alto e una precisione dell'89,25%. Colpisce perché sei paragonato a Iniesta.
"È qualcosa che ho avuto da quando ero bambino. Prenderei la palla e dribblerei senza freno. Mi hanno chiamato 'Chupon'. Mi è sempre piaciuto molto. A Valencia ho avuto un allenatore che mi ha detto che non sarei stato in grado di portare la palla nel calcio professionistico, che dovevo giocare a due tocchi. Mi piace ricevere consigli, ma se vedo che non mi aiuta, lo analizzo e vedo. Sono arrivato all'Elche e il primo giorno Pacheta mi ha chiesto: 'In cosa sei bravo? Nella guida della squadra, giusto? Bene, guida'. Mi ha chiesto solo di capire quando farlo e quando no. Con Pacheta ho imparato a distinguere quando ricevere palla e rimuoverla rapidamente e quando guidare e superare una linea di pressione. Mi sembra fondamentale nel calcio di oggi, così fisico e tattico, dove non ci sono vantaggi, che un centrocampista riceve tra due avversari e riesce a liberarsi, superare una linea e connettersi con il compagno di squadra. Se ne lasci uno indietro, è 11 contro 10 e se ci sono due contro nove, hai già generato il vantaggio. È un rischio farlo nel tuo campo, ma se ci riesci offri un enorme vantaggio alla tua squadra. Se lo faccio nel mio campo e mi connetto con Mkhitaryan in campo dell'avversario con un passaggio teso, con il quale mi capisco a meraviglia, alla fine lui riceve sulla trequarti con tante opzioni per fare male con un passaggio definitivo. Quelli che faccio davanti alla tribuna non sono dribbling, servono per dare un vantaggio al mio compagno".

Il livello di Mkhitaryan?
"Miki è spettacolare. All'inizio della stagione ho parlato con lui. Mi ha aiutato molto. All'inizio abbiamo parlato in inglese. Un giorno gli ho mandato un messaggio per dirgli come aveva fatto bene in una partita e lui ha risposto: 'Sì, fratello, ma non ho segnato'. Non era soddisfatto. Dopo una settimana e mezza ha iniziato a segnare e ora guarda i suoi gol e assist. È un giocatore incredibile".

Dei tuoi dribbling è diventato virale quello tra Lukaku, Barella e Brozovic contro l'Inter.
"Se devo essere sincero ero pieno di fiducia perché avevo appena fatto l'assist, ma se lo si analizza, era il 92° minuto e quasi l'ultimo uomo, tra Lukaku, Barella e Brozovic. Se perdo la palla… È andata bene ed è stata un'immagine per gli highlights..."

Che cosa ritieni di dover ancora migliorare? Il tiro in porta?
"Sì. Sul piano fisico mi sento sempre meglio. Continuo ad allenarmi molto in palestra. Seguo quello che mi dicono i preparatori del club e poi, a parte, collaboro con Pep Roig. Da quando ho iniziato lo seguo quasi ogni giorno e lo prendo molto sul serio. Più che il tiro in porta, forse, arrivare di più in area per aiutare la squadra con il gol. Con il mio ruolo è difficile, perché sono più difensivo, ma sì, è un obiettivo di tanto in tanto. Sono appena agli inizi, non ho ancora fatto niente nel calcio, sono ambizioso e ho molto da imparare".

Ci sono cinque spagnoli a Roma, immagino che la guida del gruppo sarà Pedro, per la sua esperienza. Qual è il valore di averlo accanto a te?
"È a un livello incredibile. Sono felice che stia giocando così. Primo, perché sta migliorando ogni giorno, tutto ciò che tocca lo mette in porta. Ma sta anche diventando uno dei miei migliori amici. Anche con Carles. Mi ci trovo davvero bene".

Se qualche anno fa ci avessero detto che un giovane talento spagnolo sarebbe andato in Italia per crescere, non ci avremmo creduto. C'è un cambiamento lì e non solo nelle grandi, anche le piccoli vogliono essere protagoniste.
"Chi non segue la Serie A continua a pensare al catenaccio, ma devi solo vedere i risultati delle partite. Il volume dei tiri. Sì, è vero che qui si gioca quasi sempre con una difesa a cinque, ma si fa per avere due corsie altissime. L'Italia è cambiata. Borja, Carles o io abbiamo deciso di venire qui per il progetto. Un club come la Roma è venuto da me e mi hanno mostrato un progetto che nessuno in Spagna mi aveva messo davanti, senza mancare di rispetto a nessuno. In Spagna non mi hanno apprezzato molto, sono più conosciuto in Italia. Non mi hanno mai apprezzato come quando è arrivata la Roma e mi hanno presentato questo progetto. Alla fine ho fatto questo passo e sono contento. Avevo un altro progetto sul tavolo e questo era di andare da solo in un altro paese, ma mi ha aiutato a maturare. Sono in grande club".

Hai parlato della difesa a cinque, che in Spagna comincia già ad essere imitata. Alla Roma hai Spinazzola e Karsdorp.
"È incredibile quello che fa Spinazzola e Karsdorp è cresciuto molto. Sono due giocatori molto importanti perché giochiamo tanto dentro, ma poi ci colleghiamo sulle fasce. Entrambi stanno facendo una grande stagione e sono fondamentali nel nostro gioco".

Quanto tempo resterai in Italia?
"Sono completamente felice qui, sento un amore che non avevo mai provato prima. Questo è molto importante per un giocatore. Sono appena arrivato e sono coinvolto nella creazione di una squadra vincente".