La Primavera 2018-19 continua a lavorare a Trigoria, negli spazi lasciati liberi dalla prima squadra, la Primavera 2017-18 sta cominciando a disperdersi in giro per l'Italia, con la speranza di tornare prima o poi alla base. Il pezzo più pregiato, tra quelli destinati a partire, ha salutato ieri sui social: Mirko Antonucci è ormai un giocatore del Pescara, manca solo l'annuncio ufficiale. Ma intanto il giocatore si è unito al ritiro dei biancazzurri, pubblicando subito un selfie con il guineano Machin, suo compagno di squadra nella stagione 2015-16, quella dello scudetto Primavera.

«Non è un addio assolutamente - aveva scritto, sempre su Instagram, qualche ora prima - ho vissuto 7 anni alla Roma fantastici e quest'anno ho avuto l'opportunità di essere aggregato alla prima squadra dove ho vissuto l'esperienza più bella della mia vita, in un ambiente stupendo e con dei tifosi che fantastici è dire poco...ho avuto la fortuna di essermi potuto allenare con grandi campioni da cui ho cercato di imparare tutto il possibile». Due presenze in A, una in Champions, ma a Pescara dovrà fare lo scatto in più, da giovane della Primavera a giovane calciatore: il club biancoazzurro lo ha preso al posto di Christian Capone, attaccante esterno classe ‘99 come lui, arrivato un anno fa in prestito dall'Atalanta, che se lo è ripreso (ma ora è all'Europeo U19) dopo 24 presenze e 6 gol.

Elio Capradossi tra poche ore sarà ufficialmente un difensore dello Spezia

Valeau e Capradossi

Giocherà in B anche l'altro laterale di sinistra della Primavera, Lorenzo Valeau: ieri ha raggiunto il ritiro dell'Ascoli, che - al contrario del Pescara - ha già annunciato l'acquisto. Stessa formula per i due ragazzi del ‘99, come pure per Capradossi, che tra poche ore sarà ufficialmente un difensore dello Spezia: prestito con diritto di opzione, e controopzione a favore della Roma. Valeau ha iniziato la stagione da mezzala sinistra, ma dopo poche partite Alberto De Rossi ha iniziato a schierarlo terzino, ruolo ricoperto talmente bene da fargli meritare la convocazione in serie A, per la trasferta di Crotone.

Lorenzo Valeau, che ieri ha raggiunto il ritiro dell'Ascoli

Titolare da dicembre

Con Valeau arretrato in difesa si è liberato un posto da mezzala: da dicembre se lo è preso Zakaria Sdaigui, classe 2000, 22 presenze e 6 gol in campionato. Ha fisico, tecnica e tempismo negli inserimenti: se la Roma avesse avuto una rosa un po' più snella avrebbe potuto legittimamente ambire a una convocazione per il ritiro della prima squadra. Non è arrivata, e non è stata la sola brutta notizia del mese: aveva una distorsione al ginocchio destro, la risonanza magnetica, fatta due giorni fa, ha dato esito infausto, rottura del legamento crociato anteriore. È stato operato subito, ieri pomeriggio a Villa Stuart, dal professor Mariani, tornerà in campo con l'anno nuovo.

Zakaria Sdaigui, classe 2000, si è rotto il crociato: operato