Primo assaggio di Roma per Marash Kumbulla che agli inglesi del The Guardian ha raccontato le sue prime sensazioni in giallorosso: "Quando mi sono reso conto per la prima volta dell'opportunità di giocare per l'AS Roma, non mi ci è voluto molto per decidere. Ho capito subito che era il club giusto per me. Hanno mostrato il loro interesse e mi sono sentito molto bene. Mi hanno mostrato il progetto, lo staff e ho parlato con l'allenatore. I tifosi della Roma, lo stadio e la storia di questo grande club sono fantastici ed è stato facilissimo sceglierlo. La Roma, per me, è il luogo ideale per continuare la mia carriera".

Le sue caratteristiche sembrano sposarsi bene con quelle che Fonseca chiederà quest'anno ai suoi difensori: "Anch'io posso giocare con questo sistema. Mi sono sentito molto bene nel primo allenamento e ora è solo mi basterà solo di adattarmi a questo stile, migliorando e conoscendo anche il modo di giocare e di pensare dell'allenatore".

Per Kumbulla quella appena conclusa è stata la prima stagione da titolare in Serie A dove si è trovato a scontrarsi con avversari di primo livello:"Ronaldo è stato un avversario molto duro, ma ho cercato di limitarlo con le mie caratteristiche e di anticiparlo. Dybala e Lukaku sono molto difficili da affrontare, il primo per la sua velocità e il secondo per la sua forza. La vittoria contro la Juventus è indimenticabile perché era il mio compleanno. Non avrei potuto chiedere un regalo migliore. Ho approfittato di giocare contro i migliori giocatori d'Italia in così giovane età. Mi ha fatto crescere più velocemente".

Il suo idolo è van Dijk del Liverpool ma Kumbulla ha ammesso: "L'anno scorso mi è piaciuto molto guardare Chris Smalling giocare. Ho cercato di imparare da lui". Magari tra qualche giorno si potranno ritrovare faccia a faccia a Trigoria.