Un giorno di meritato riposo dopo la splendida vittoria sul Napoli. Da domani di nuovo testa e gambe al prossimo impegno, in programma giovedì in Germania contro il Borussia Moenchengladbach. Ennesima gara decisiva di un ciclo che finora si è dimostrato esaltante quanto dispendioso.

Nelle ultime cinque partite i giocatori che non hanno subito noie fisiche sono stati costretti agli straordinari. Su tutti Dzeko, costretto a indossare la maschera protettiva (fino a ieri, quando a metà partita ha deciso di sfilarsela) per lo zigomo operato. Nel reparto offensivo però la gara contro il Napoli ha segnato il ritorno in campo - a distanza di due mesi dall'ultima presenza - di Ünder, che fornisce una soluzione in più a Fonseca.

Forse non dal primo minuto della sfida di Europa League, nella quale è improbabile che il turco sia schierato titolare, ma a match in corso, quando la sua velocità può costituire un fattore, soprattutto se il risultato dovesse essere positivo. La scelta potrebbe invece ricadere su Perotti, che è già rientrato da qualche settimana accumulando minutaggio prezioso. Anche se in condizioni fisiche eccellenti, ad almeno uno dei trequartisti potrebbe essere concesso un turno di riposo.

Nulla da fare in mezzo al campo, dove la scelta continua a essere obbligata sulla coppia formata da Mancini e Veretout, che a onor del vero sta strabiliando per continuità e intensità. Diawara rientrerà dopo la prossima sosta; Pellegrini a dicembre; mentre sembra scongiurato l'intervento chirurgico per l'altro lungodegente Cristante, che opterà dunque per una terapia conservativa e tornerà a disposizione non prima del 2020.

Le novità di formazione rispetto alla partita di campionato con il Napoli dovrebbero riguardare invece il reparto arretrato. Tornerà nella formazione titolare Capitan Florenzi, dopo le tre panchine consecutive. Il jolly di Vitinia è entrato in campo soltanto in Friuli, negli ultimi minuti di un match già in cassaforte. Poi è stato costretto a seguire i compagni ed esultare fuori dal campo.

Scontato il turno di squalifica in Serie A per la surreale espulsione subita a Udine, Fazio è pronto al rientro anche in Europa. L'argentino prenderà il posto di Cetin, che pure non ha demeritato quando è stato chiamato in causa, nonostante il rosso nel recupero del match con gli azzurri.