Kostas Manolas tiene in ansia la Roma. L'infortunio patito a Frosinone non ha ancora una prognosi, ma fra cinque giorni ci sarà un secondo derby regionale e la presenza in campo del greco al momento è molto più che in dubbio. La caviglia si è gonfiata, anche se è uscito dallo stadio senza l'ausilio di stampelle. Ieri la squadra di ritorno dalla Ciociaria ha usufruito di un giorno di riposo, eppure il difensore era comunque a Trigoria per sottoporsi a un'ecografia. Fra oggi e domani sono previsti ulteriori esami clinici: Manolas sosterrà una risonanza magnetica che chiarirà l'entità del ko.

Sulle prime, quell'impatto di gioco con Molinaro a un quarto d'ora dal termine della sfida dello Stirpe è sembrato un normale scontro di gioco. Magari duro, ma senza conseguenze. Non pochi sono stati tratti in inganno dalla fama che aleggia intorno al giocatore e alla sua soglia del dolore. A dispetto di un fisico colossale e di un temperamento da guerriero, il greco a volte tende ad accentuare le conseguenze degli impatti subiti sul campo. Ma in quest'occasione la distorsione accertata leva ogni dubbio residuo anche ai più maliziosi.

Saranno decisive le prossime quarantotto ore per stabilire il possibile impiego di Manolas nella sfida in programma sabato sera. E pensare che alla vigilia della gara di Frosinone il timore più grande era relativo alla diffida che pendeva sulla sua testa. Un cartellino avrebbe potuto far saltare il derby dell'Olimpico non solo al numero 44, ma anche a Florenzi, Fazio e Zaniolo. Non a caso tutti e tre risparmiati dalla formazione titolare, anche se gli ultimi due costretti a subentrare dalle dinamiche del match nel corso della ripresa. Tre quarti di reparto difensivo con l'incubo del giallo (che invece un'inguardabile direzione di Manganiello ha riservato a El Shaarawy e Dzeko): troppo alto il rischio. Ma dove non è arrivata la scure dell'arbitro ci ha pensato la casualità.

I tempi di recupero di Manolas, come detto, saranno chiari fra oggi e domani. Nelle stesse ore la squadra si ritroverà a Trigoria per preparare la settimana decisiva (dopo il derby ci sarà la trasferta di Champions in terra portoghese). Saranno allenamenti utili a Di Francesco per valutare anche una possibile sostituzione del greco accanto a Fazio. Ipotesi che tutti vorrebbero scongiurare, ma con la quale è necessario fare i conti, almeno fino a eventuali notizie positive. Jesus è rientrato a disposizione fin dalla trasferta di Verona, ma dall'infortunio che lo ha bloccato non ha ancora disputato un minuto. Marcano si è disimpegnato discretamente quando è stato chiamato in causa. Entrambi rappresentano valide alternative, ma la speranza primaria risiede nel recupero di Kostas.