a trigoria

Questione cessioni ed esuberi: Santon è rimasto il solo

Contratto in scadenza il prossimo 30 giugno, l’esterno difensivo da luglio non si allena con la prima squadra. L'estate scorsa ha rifiutato Spezia e due club turchi

Santon contro l'Udinese nel 2020 (As Roma via Getty Images)

Santon contro l'Udinese nel 2020 (As Roma via Getty Images)

30 Gennaio 2022 - 15:04

È arrivata anche l'ufficialità. Federico Fazio è un giocatore della Salernitana. Il centrale difensivo argentino ha firmato un contratto di due anni e mezzo, scadenza trenta giugno 2024, per una cifra quasi doppia ai circa ottocentomila euro netti che ha lasciato alla Roma per i cinque mesi di stipendio che ancora rimanevano alla scadenza naturale del suo contratto. Il cartellino è costato zero euro. Come da accordo con la Roma che, per concedere quella che una volta era chiamata lista gratuita, ha voluto e ottenuto che il giocatore ritirasse la querela per mobbing (con richiesta da due milioni di euro) che aveva presentato al tribunale di Roma dopo che, l'estate scorsa, la società giallorossa lo aveva estromesso dagli allenamenti della prima squadra. Walter Sabatini, da qualche settimana direttore sportivo della nuova Salernitana, ha quindi riacquistato un giocatore che aveva già portato a Trigoria (dal Tottenham) nell'estate del 2017. All'epoca lo prese pagando il cartellino poco più di tre milioni di euro. Ora lo ha rivoluto, sperando di ricostruire anche intorno a Fazio la possibilità di una Salernitana che possa ancora inseguire una salvezza comunque assai complicata. L'argentino alla società campana ha detto molto chiaramente che, comunque andrà questa stagione, lui è disposto a rimanere anche in serie B con l'obiettivo di riportarla subito nella massima serie.

Con l'addio di Fazio, ora a Trigoria è rimasto soltanto un esubero. Cioè Davide Santon che ha un contratto in scadenza il prossimo trenta giugno. L'esterno difensivo da luglio scorso non si allena con la prima squadra. Prima con gli altri epurati, adesso è rimasto solo e probabilmente lo sarà fino alla conclusione di questa stagione quando a parametro zero (ma lo sarebbe stato anche adesso) potrà scegliere dove andare a proseguire la sua carriera che da queste parti non è stata un successo. A meno che in queste ultime ore di mercato, non si materializzi qualche club disposto a ingaggiarlo subito. Difficile, però. Perché non ci sono neppure voci di squadre disposte a prenderlo. Del resto già l'estate scorsa Santon aveva detto no allo Spezia e almeno a due club turchi che avevano provato a convincerlo a salutare la Roma.

© RIPRODUZIONE RISERVATA