Non si dà certamente per vinto Tammy Abraham. Il centravanti inglese, reduce da un'infortunio alla caviglia con la maglia della propria nazionale, proverà in tutti i modi ad esserci domenica sera a Torino, all'Allianz Stadium, al centro dell'attacco della Roma di Mourinho contro la Juventus. Ieri il numero 9 giallorosso ha iniziato a Trigoria la fisioterapia con lo staff medico giallorosso per ridurre il gonfiore alla caviglia infortunata: le terapie manuali verranno affiancate dall'uso di macchinari, quali tecar e laser, per provare in ogni modo a metterlo a disposizione di Mourinho per domenica, rendendolo almeno convocabile, ma solo se avrà completamente recuperato la mobilità articolare. Il provino decisivo ci sarà sabato, quando i giallorossi svolgeranno la rifinitura prima della partenza per Torino e, se dovesse svolgere l'allenamento con il gruppo, non è da escludere un suo impiego dal primo minuto. Abraham è un calciatore fondamentale nello scacchiere di Mourinho, che lo ha dimostrato fin dal principio, mandandolo in campo da titolare già contro la Fiorentina alla prima giornata nonostante non avesse alle spalle sedute con il gruppo, ma solamente allenamenti individuali: da quel momento l'attaccante inglese ha giocato 705' complessivi tra campionato e Conference League. In Serie A è stato sempre impiegato da titolare nelle prime sette giornate, e in cinque occasioni è rimasto in campo per più di 80', a dimostrazione di quanto sia importante per José Mourinho, che spererà fino all'ultimo di poterlo avere per la sfida ai bianconeri.