E alla fine arriva Rui Patricio: il portiere portoghese, primo acquisto estivo della Roma, ieri ha svolto il suo primo allenamento da calciatore giallorosso a Trigoria. Il trentatreenne prelevato dal Wolverhampton ha anticipato il rientro dalle vacanze per prendere parte al ritiro precampionato: una scelta che dimostra (semmai ce ne fosse stato bisogno) la sua grande professionalità, unita alla voglia di mettersi a disposizione del suo connazionale Mourinho. La Roma gli ha dato il benvenuto con un post sui social, accompagnato da alcune foto dell'estremo difensore al lavoro sui campi del "Fulvio Bernardini".

Una buona notizia per lo "Special One", che va ad aggiungersi all'allenamento in gruppo di Lorenzo Pellegrini, ieri pomeriggio in campo assieme al resto della squadra: reduce dall'infortunio che lo ha costretto a saltare Euro2020, il Capitano sta svolgendo una fisiologica gestione, alternando lavoro individuale a quello con i compagni. Le fotocamere lo hanno immortalato anche durante uno scatto con Edin Dzeko, entrambi sorridenti, sotto gli occhi attenti di Mou e del suo staff. Proseguono il lavoro di gestione anche Veretout e Calafiori: quest'ultimo è reduce da un fastidio alla caviglia riportato in occasione dell'amichevole col Montecatini, ma le sue condizioni non destano preoccupazione. Oggi è prevista una seduta mattutina, di fatto una "rifinitura" in vista dell'amichevole contro la Triestina, prima trasferta stagionale dei giallorossi, in programma domani alle 19.30 allo Stadio Nereo Rocco e visibile in chiaro su Sportitalia. Gara nella quale Gonzalo Villar indosserà ancora la maglia numero 8 visto con la Ternana: lo spagnolo ha deciso infatti di abbandonare il 14 e di tornare al suo numero preferito, che all'epoca del suo acquisto vestiva Perotti.

Toh, chi si rivede

Nel primo pomeriggio di ieri si è recato a Villa Stuart Steven Nzonzi, escluso dai convocati di Mourinho per il ritiro e destinato a salutare entro la chiusura del mercato. Il francese ha svolto le visite mediche e nei prossimi giorni si allenerà a parte a Trigoria, in attesa di una nuova destinazione. Stessa sorte anche per gli altri calciatori che non rientrano più nei piani del club: i vari Olsen, Fazio, Santon, Pastore, Pedro, Coric, Riccardi, Pezzella e Celar lavoreranno per conto proprio per non perdere la condizione, ma dovranno trovare (di concerto con la società) una nuova squadra da qui al termine del mercato.