Cinico e spietato, il Real Madrid ha vinto per 2-1 in Olanda, sfruttando alla perfezione le poche occasioni da gol create. Esuberante e sfrontato, non ha tremato l'Ajax al cospetto dei campioni d'Europa, imbrigliando per tutto il primo tempo Modric e compagni con una prestazione coraggiosa, fatta di pressing alto, raddoppi di marcatura e fraseggi stretti. C'era tanta storia in campo alla Johan Cruyff Arena, fatta di ben diciassette coppe dalle grandi orecchie in bacheca (tredici per gli spagnoli e quattro per gli olandesi), ma anche dal primo storico gol annullato in Champions con l'ausilio del Var. Una zuccata di Tagliafico che ha mandato in visibilio i 55.000 tifosi olandesi, gelati dal braccio alzato di Skomina per decretare l'annullamento per fuorigioco. Pericoloso solamente con un sinistro centrale di Bale e con un destro a giro ben più insidioso di Vinicius Junior, il Real ha rischiato più volte di capitolare, con un sinistro di Tadic finito sull'incrocio dei pali e con una clamorosa occasione sprecata da Ziyech che sembrava ormai destinato ad una serata da incubo.

La sblocca Benzema

Un'occasione d'oro, come quella capitata sul destro di Benzema che, dopo uno splendido assolo di Vinicius, ha piazzato la palla sotto l'incrocio dei pali, regalando un vantaggio immeritato agli spagnoli al quindicesimo del secondo tempo. Una rete che ha smorzato gli entusiasmi di tifosi e squadra, incapace di produrre reali occasioni da gol fino all'ingresso in campo di Kasper Dolberg con il conseguente abbandono dello schema con il falso nueve. Dopo appena due minuti, al trentesimo della ripresa, Ziyech ha sfruttato alla perfezione un assist al bacio di David Neres, battendo in controtempo Courtois e riscattando l'errore del primo tempo. Primo sigillo in Champions per il fantasista marocchino, premiato come miglior in campo nelle due sfide contro il Bayern Monaco, ma ancora a secco dopo le due reti segnate durante i preliminari. Senza Benzema, uscito poco prima del gol olandese per infortunio, il Real si è affidato soprattutto alle conclusioni di Asensio, entrato in campo con il giusto piglio e autore della rete del definitivo 1-2 su cross di Carvajal al quarantunesimo della ripresa. Un'azione viziata da un possibile fallo di Lucas Vazquez su de Jong, giudicato tuttavia ininfluente dal silent ceck. Una vittoria preziosa e fortunata per gli spagnoli (graziati da Dolberg nel recupero), che al ritorno dovranno fare a meno di Sergio Ramos, ammonito e diffidato.

Nell'altra gara in programma, il Tottenham ha travolto il Borussia Dortmund grazie a un secondo tempo molto convincente. Nonostante le assenze, la squadra londinese ha vinto per 3-0 con i gol di Son, Vertonghen e Llorente.