Sulla fascia destra giallorossa, soprattutto in Europa League, Fonseca sta trovando in Bruno Peres una risorsa importante. Onore al merito del brasiliano, artefice praticamente da solo del terzo gol della Roma dei cinque segnati al Cluj, il primo di Borja Mayoral

L'azione nasce da un bell'anticipo di Peres nei confronti di Deac: dove c'è un "furbo", nel caso Peres, c'è sempre un "tonto", l'avversario che aspetta la palla da fermo.

Rubato il pallone e preso lo slancio, Peres deve fronteggiare un altro avversario e invece di passare il pallone preferisce affrontarlo in dribbling stretto: saltato nettamente

Nello sviluppo dell'azione, la palla arriva con una perfetta sovrapposizione a sinistra a Veretout che, ingolosito dall'occasione, tira sul portiere (freccia rossa). Verso il secondo palo, però, Peres stava seguendo l'azione e se il francese avesse passato verso di lui (freccia gialla), il brasiliano avrebbe segnato a porta vuota

 Sul rimpallo la palla si è impennata ed è caduta in testa a Peres che invece di tentare il gol preferisce passare a Mayoral: altruista