Appuntamento fissato per domani alle 11. Nessuno "sciogliete le righe", soltanto un giorno di riposo concesso da Paulo Fonseca al termine della gara di ieri sera contro il Napoli. Nonostante il lungo tour de force cominciato da inizio 2021 (19 partite in due mesi e mezzo). E nonostante l'imminente sosta per le nazionali, impegnate nelle prime partite valide per le qualificazioni ai Mondiali in Qatar del prossimo anno.

Un giorno di pausa dunque, ma non per tutti, perché nelle prossime ore saranno dieci i romanisti che partiranno per raggiungere i ritiri delle rispettive selezioni. Cinque di questi sono i convocati in azzurro dal ct Mancini, che a Coverciano troveranno ad attenderli anche il simbolo romanista Daniele De Rossi, appena sbarcato nello staff della Nazionale. Tre gli ex compagni del Sedici: Stephan El Shaarawy, Lorenzo Pellegrini (che ne ha ereditato la fascia) e quel Bryan Cristante cui DDR concesse l'investitura diretta nella conferenza di addio alla Roma. Oltre a loro, arriveranno alla corte di Mancini anche Leonardo Spinazzola e Gianluca Mancini. Tutti partiti già ieri in serata.

Partiranno oggi Edin Dzeko per il ritiro della Bosnia, Marash Kumbulla convocato dall'Albania, Gonzalo Villar dalla Spagna Under 21, Amadou Diawara dalla Guinea, Bryan Reynolds dalla selezione statunitense (quella maggiore dopo aver declinato la selezione per il torneo pre-olimpico). Gli ultimi due rientreranno rispettivamente il 31 e il 29 marzo, tutti gli altri saranno nuovamente a Trigoria il 1° aprile, ovvero a due giorni dalla sfida in trasferta contro il Sassuolo. Per il match in programma alla vigilia di Pasqua però Fonseca dovrebbe recuperare i tre big assenti nelle ultime gare: Smalling, Veretout e Mkhitaryan. Per Reggio saranno squalificati Ibanez e Villar.