Un gol in chiusura di primo tempo, uno nel recupero del secondo, e la Roma batte l'Ascoli, ultimo in classifica, tornando sola in vetta, staccando di nuovo la Sampdoria, che sabato aveva agganciato i giallorossi battendo l'Inter. De Rossi conferma Mastrantonio tra i pali e ripropone l'esperimento del doppio centravanti Tall-Satriano, già provato in Milan-Roma 0-0. Al posto dell'infortunato Darboe c'è Bove, Zalewski, tornato disponibile dopo 4 gare fuori, inizia in panchina. Come Podgoreanu, che aveva saltato l'ultima: al suo posto sulla destra c'è Ciervo. Anche l'Ascoli ha un 2004 tra i pali, l'ottimo Bolletta, ma in mezzo manca l'uomo più importante, Alagna, il romano ex Nuova Tor Tre Teste, difensore centrale, capitano e rigorista, che segnò due gol nella gara di andata.

Seccardini, che sostituisce lo spagnolo Abascal, esonerato a fine gennaio, si schiera con un copertissimo 4-5-1, con il terzino destro Pulsoni a centrocampo, e come unica punta il classe 2000 Mattia D'Agostino, fuoriquota mandato in prestito all'Olbia a ottobre, e tornato alla base a gennaio. La prima occasione al 9': cross da destra di Satriano, Tall in elevazione non arriva, al 15' l'attaccante calabrese ci prova di testa, su un lancio di Tripi, palla a lato. Un cross di Ciervo viene ribattuto, al 34' Lisi, centrocampista arretrato come terzino sinistro, avanza, si accentra e calcia da fuori, non lontano dal palo, un paio di minuti dopo cross dal fondo di Providence, tiro di Ciervo e gran riflesso di Bolletta, sulla respinta calcia Bove, respinge un difensore.

Mastrantonio esce al limite per anticipare Colistra, altro romano ex Tor Tre Teste, al 44' un suo rinvio di piede viene dirottato sulla fascia da un colpo di testa di Tall, che serve Providence: il francese, appena passato a destra, salta di netto Luongo e Lisi e mette in mezzo un cross basso che Ciervo devia in gol di piatto, trovando il vantaggio. Si riparte senza cambi, e al 6' la Roma si rende di nuovo pericolosa: cross da sinistra di Ciervo, spettacolare rovesciata di Tall, Bolletta respinge. Morichelli manda alto di testa su angolo di Milanese, Providence continua a creare problemi sulla sinistra, al 17' ottimo filtrante di Tripi, bella rifinitura di Bove, Tall dribbla il portiere ma al momento di calciare a porta vuota si fa anticipare in angolo da Markovic.

A dieci minuti dalla fine il senegalese si libera bene da destra ma arrivato sul fondo sbaglia il cross basso, facendolo sfilare davanti alla linea, con il ghanese Felix, subentrato a Satriano, che era libero in posizione leggermente più arretrata. Poi è Bove a sfondare da quella parte, colpo di testa di Providence, blocca senza problemi Bolletta. L'Ascoli, che per buona parte della ripresa sembrava disposto a difendere anche lo 0-1, sul campo di una squadra che aveva il sestuplo dei suoi punti, prova a scuotersi nei minuti finali, ma al 94' Felix sparacchia via un pallone dalla sua area, il terzino bianconero Marucci vorrebbe lasciar scorrere in fallo laterale, Zalewski spunta da dietro, gli ruba palla, lo salta di nuovo, e calcia all'angolino basso, trovando il 2-0.