Non aveva mai perso la Sampdoria Primavera sul suo campo, contro la Roma ha rischiato, per il bellissimo gol di Milanese dopo 71' di equilibrio e noia, a 3' dalla fine ha trovato il pareggio per una grave distrazione dei giallorossi. In difesa, con Feratovic squalificato, prima da titolare per l'altissimo Raul Morichelli, alla seconda presenza in Primavera. De Rossi conferma il 3-3-3-1 visto già contro l'Empoli, con Bove alle spalle di Tall, e Milanese più arretrato, in linea con Tripi e Darboe, Ciervo sostituisce l'infortunato Providence ma lo fa giocando a destra, con Podgoreanu dirottato sulla fascia opposta. Prima panchina per Pagano e Zajsek, Bianchino e il 2004 Cherubini dirottati in tribuna. Nella Sampdoria out l'infortunato Aquino, arretrato il greco Siatounis, con inserimento in mediana dell'ex Juve Brentan. Nei primi tre minuti la Sampdoria batte tre angoli, e al 5' sfiora il vantaggio: Morichelli salva sulla linea un gol che sembrava fatto, allontanando il pallonetto di testa di Trimboli. Bove prova il sinistro da fuori, senza fortuna, la difesa si dimentica di marcare Yepes su una punizione di Trimboli, ma il colpo di testa non è certo il punto migliore del regista spagnolo, tecnico e brevilineo. Al 24' Darboe serve Ciervo che da fuori prova a piazzarla nell'angolino basso, Avogadri si distende e mette in angolo, dalla bandierina batte Darboe, Podgoreanu salta e colpisce di testa, piuttosto male, la palla finisce sul destro di Morichelli che manda altissimo, da buona posizione. Al 39', dopo una lunga fase senza occasioni da gol, il difensore si riscatta chiudendo su Prelec, che, servito da Brentan, si era liberato di Ndiayè. L'ultima occasione del primo tempo è per la Samp: angolo di Trimboli sul secondo palo, recupera Yepes, si libera di due avversari e calcia di sinistro, vicinissimo al palo. Non cambiano le formazioni dopo l'intervallo, non aumenta lo spettacolo: ci vogliono una decina di minuti per vedere qualcosa, un cross dal fondo di Ciervo ribattuto, un tiraccio da fuori di Podgoeranu, un destro da fuori del solito Yepes, bloccato. Ci vuole un quarto d'ora per il primo angolo della Roma, sugli sviluppi Tall si alza la palla da solo per calciare in sforbiciata, tutto molto bello, ma lontano sopra la traversa. Boer, temendo il rimbalzo, mette in angolo un non complicatissimo tiro da fuori di Brentan.

I gol

Al 67' il secondo intervento di Avogadri, bravo a uscire sui piedi di Tall, ben servito da un filtrante di Darboe. All'improvviso, 4' dopo, la Roma si porta in vantaggio: filtrante di Tripi per Milanese che entra in area, ha la palla sul sinistro e invece sorprende tutti calciando con l'esterno destro, palla carica di effetto, angolatissima, a fil di palo. Tufano risponde inserendo l'ala destra Gaggero al posto di Brentan, poi Di Stefano: 3-4-3, con il centravanti Prelec che va a destra, lasciando spazio al nuovo entrato. De Rossi risponde passando a 4 dietro, con l'ingresso di Tomassini al posto di Podgoreanu, volenteroso ma confusionario. Poi tocca a Satriano e Bamba: Bove lancia l'ivoriano davanti al portiere, ma il calabrese, che aveva fatto il velo facendo passare la palla tra le gambe, era in fuorigioco di rientro. Tufano mette la quarta punta, Montevago, che finisce a terra dopo un contrasto in area con Vicario, Morichelli guarda l'arbitro (che fa cenno di proseguire) invece della palla, che finisce a Prelec, sinistro al volo, che sorprende Boer. Al 94' la Roma ha palla del 2-1, su cross di Bamba, Bove di testa manda alto.