Comincia a fare sul serio la Roma Primavera, che dopo le visite mediche e i primi allenamenti a Trigoria ieri ha iniziato il ritiro di Cascia: durerà fino all'8 agosto, quando è in programma l'amichevole in casa della Viterbese, affrontata già la scorsa estate. Sarà il secondo dei tre test fissati dal club giallorosso, che martedì, a Cascia, affronterà il Monterosi, neopromosso in serie C, mentre il 14 agosto riceverà al Tre Fontane il Montespaccato Savoia. La regular season del campionato Primavera - passato quest'anno da 16 a 18 squadre, con la riduzione da tre a due retrocessioni (che non ha salvato la Lazio) - inizierà il 28 agosto, per concludersi il 14 maggio, con fase finale dal 21 al 27, e Coppa Italia che prenderà il via (con il turno preliminare, non certo per i giallorossi) il 15 settembre.

Bacino e mercato

«I presupposti sono l'entusiasmo, la voglia di iniziare di nuovo, soprattutto ora che c'è un nuovo biennio - ha dichiarato Alberto De Rossi a Roma Tv - ci sono calciatori che conosciamo, ma allenarli è tutta un'altra cosa. Questo genera emozioni, quel qualcosa in più che ti fa ripartire con grande voglia. Noi abbiamo un bacino di utenza vastissimo, dove abbiamo attinto negli anni precedenti con grande qualità e risultati: certi ragazzi li abbiamo presi da piccoli e portati in Primavera e all'attenzione del calcio che conta, qualcuno anche in Prima Squadra. Non siamo contrari a portare ragazzi dentro Trigoria, siamo molto attenti al mercato nazionale e internazionale, ma io dico che dovremmo dare un'occhiata al mercato interno, che è sempre molto prolifico».

La Roma lo ha fatto: sta seguendo anche le occasioni, tra cui un paio di giocatori rimasti svincolati dopo la mancata iscrizione del Chievo, ma al momento non ci sono nuovi acquisti: non tutti i ragazzi in ritiro a Cascia hanno fatto la trafila a Trigoria, i due terzini Louakima e Oliveras, tra gli altri, sono arrivati un anno fa (da Psg e Barcellona), altri solamente a gennaio, come lo svedese Tahirovic e il ghanese Felix Afena-Gyan. Sono 23 i convocati per il ritiro, a cui andranno aggiunti due 2003 al momento indisponibili, il portiere Berti (che però potrebbe andare via) e il fantasista Volpato, oltre il fuoriquota Vicario, centrale spagnolo che si era fermato per un problema muscolare il primo maggio e non lo ha ancora superato.

Non c'è il difensore centrale Giorcelli, rientrato alla Juventus per fine prestito, come il portiere Milan, arrivato dal Cittadella, che pure aveva giocato da titolare la finale Under 18: la Roma cerca un secondo per Mastrantonio, e per ora ha convocato per il ritiro, oltre al 2004 Del Bello, preso due anni fa dal Perugia, anche il 2005 Mengucci. Non c'è Pagano, 5 presenze lo scorso anno: farà l'Under 18, almeno all'inizio. «Devo sottolineare la presenza di Vincenzo Vergine, che conosco da anni - conclude De Rossi - è un professionista di grande valore e conoscenza, sarà un valore aggiunto per tutti noi, mi sento con lui tutti giorni. Quello che ha fatto in carriera è sotto gli occhi di tutti».

La rosa della Roma Primavera 2021-2022