Poco aveva da chiedere, troppo poco ha dato la Roma. La gara era privata dei suoi contenuti già prima dei 90', ma l'ambizione «sempre alta» agognata da Fonseca l'ha messa il più giovane, che non può festeggiare come avrebbe meritato.

IL MIGLIORE - 7 MILANESE Due apparizioni europee di ottimo livello gli fruttano l'occasionissima da titolare. E il ragazzo cresciuto da Miccoli e scovato da Conti sfodera un altro pezzo del repertorio da inorgoglire i suoi mentori, trovando una pregevole prima rete da professionista che vale il momentaneo 1-1.

6 BOER Più che dall'emozione dell'esordio a sorpresa, sullo 0-1 è tradito dalla selva di gambe che lo copre. Il colpo subito a freddo lo chiama alla riscossa e poco dopo si rende protagonista di un'uscita coraggiosa. Non felicissima la scelta di passaggio su Diawara nel secondo svantaggio, anche se il danno ingente è tutto del guineano. Sufficienza d'incoraggiamento.

4,5 FAZIO Torna titolare nella "sua" competizione (mai presente in A, alla quinta su sei in coppa). La lontananza palese dalla miglior forma non giustifica l'obbriobrioso regalo ai bulgari che costa il terzo gol.

5,5 KUMBULLA Col primo tempo da titolare, carica altri minuti nel personale serbatoio: rispetto al Sassuolo un passetto indietro, con la complicità di compagni più che svagati.

5 JESUS Poco reattivo quando gli toccherebbe scalare sulle uscite di Kumbulla. Se la difesa appare perforabile come non accadeva da mesi, è anche per qualche sua disattenzione di troppo.

5,5 PERES Fra i pochi esperti della giovanissima formazione mandata in campo in Bulgaria, è svampito nell'ora disputata sulla fascia abituale. Paradossalmente risulta più incisivo spostato a sinistra, prima di essere costretto al cambio.

5 DIAWARA Leggero in ogni senso in occasione del momentaneo 1-2, quando decide di far scorrere il pallone e se lo fa soffiare mandando di fatto in porta l'avversario. Prova a rifarsi poco dopo con un discreto coast to coast, ma è un fuoco fatuo. Più ombre che luci. Una da buio totale.

6 BAMBA Rileva last minute Calafiori preda della gastroenterite. Nella stagione in corso ha disputato appena 13' in Primavera e al debutto in prima squadra gli tocca fare l'esterno a tutta fascia, lui che nasce punta. Non brilla nell'ora abbondante in campo, ma ha tutte le attenuanti del caso e la serata per lui non può che essere positiva.

5,5 PEREZ Si muove molto, ma sbatte sui bulgari più spesso di quanto non trovi il varco giusto. Impalpabile.

6 PEDRO Celebra la tripla cifra nelle coppe europee facendo da chioccia a un nugolo di ragazzini. Si accende a fiammate sporadiche, fornendo soprattutto ai connazionali d'attacco palloni poco sfruttati.

6 MAYORAL L'assist con il quale - circondato da bulgari e in piena area - pesca Milanese è una piccola delizia di tecnica e visione di gioco. A inizio ripresa ha due occasioni per pareggiare ma è sfortunato e anche dopo l'1-3 resta fra i più vivi.

6 SMALLING In campo dopo un mese. Un tempo per mettere fieno in cascina.

6 VILLAR Entra a risultato ampiamente compromesso, ma prende subito possesso della manovra, alzando il baricentro e cercando la verticalità più di quanto era stato fatto prima del suo ingresso.

6 KARSDORP Rileva Bamba e dirotta Peres. Cerca maggiore profondità a destra, ma senza risultati rilevanti.

6 TRIPI Seconda presenza europea: non male a diciotto anni.