Sotto traccia. Ma non per questo lontano dagli obiettivi. Monchi continua a lavorare alacremente in vista dell'ultimo scampolo di mercato. Quello che porterà alla corte di Di Francesco il tanto agognato centrocampista. Con N'Zonzi in primissima fila, ma non per questo vicino all'arrivo: c'è ancora da lavorare, anche se ormai le volontà di tutte le parti in cause sono scoperte. Il ds spagnolo si muove però su più tavoli, per cautelarsi da eventuali inserimenti sul francese.

Uno degli altri profili individuati risponde al nome di Diadie Samassekou, ventiduenne frangiflutti del Salisburgo che viene valutato una cifra vicina ai trenta milioni dal club di proprietà della Red Bull, ma può diventare un'ipotesi percorribile anche con qualcosa in meno. Eppure nella ricerca a fari spenti che sta portando Monchi in giro per l'Europa c'è anche altro. Chi aveva ventilato un suo possibile rientro a Trigoria nella giornata di ieri si è dovuto ricredere, quando il direttore sportivo ha fatto perdere le proprie tracce. Nel quartier generale romanista non si è presentato e l'ultimo avvistamento è quello che lo ha segnalato in Spagna, proprio nella terra che lo ha visto crescere. In Andalusia Monchi è tornato ufficialmente per trascorrere qualche ora di relax con la propria famiglia, ma non si fa peccato a pensare che abbia approfittato del periodo trascorso in quella zona per (ri)allacciare i contatti con il suo ex club per l'obiettivo principale del momento, nonostante le smentite di rito del collega del Siviglia.

Ma la questione inerente il prossimo centrocampista non è l'unica a cui sta lavorando il ds, sempre attivo anche nella ricerca dell'esterno destro d'attacco. Difficilmente sarà Suso, per il quale non sembra esserci intesa (né punto d'incontro) fra Milan e Roma. I rossoneri chiedono solo cash, i giallorossi avrebbero potuto inserire Perotti nella trattativa, senza arrivare a cifre astronomiche. Leonardo ha dichiarato il giocatore incedibile, aggiungendo che gli incontri con lui e il suo procuratore sono stati di semplice conoscenza con la nuova proprietà. Ma è il gioco delle parti e se arrivasse un'offerta vicina ai 30 milioni, lo spagnolo partirebbe.

Cifre che possono però essere stanziate per un altro genere di giocatore: sempre un attaccante esterno, ma più giovane e con maggiori margini di crescita. Diverse le piste. Per Neres l'Ajax non sembra disposto a trattare. Bailey resta sullo sfondo, anche se le parole di VoellerCon l'offerta giusta può partire») segnalano un'apertura. Il Bayer era in Spagna per un'amichevole con il Valencia, ma il giocatore non c'era. Monchi invece era poco più a Sud.