All'improvviso due sconosciuti, si potrebbe dire facendo ricorso a quell'ironia che nel calcio a volte è meglio tenere separata dalle considerazioni calcistiche. Ma è sicuro che se fermate cento tifosi della Roma e dite loro che ci sono al momento forti possibilità che uno tra Ndombele e Samassekou sarà il rinforzo di centrocampo della rosa romanista quasi tutti tireranno fuori la loro espressione più perplessa. Solo pochi esperti saprebbero riconoscere in questo ammasso di sillabe due giocatori di ottimo livello, di belle speranze (sono entrambi del ‘96, il primo deve ancora compiere 22 anni perché è di dicembre, l'altro ne farà 23 a gennaio) e con le caratteristiche tecnico-tattiche che sta cercando oggi Monchi: forti muscolarmente, rapidi nella giocata, veloci nell'intuizione e capaci di fornire adeguata alternativa a De Rossi nel ruolo di regista davanti alla difesa soprattutto in prospettiva. È su questi due nomi che, al momento attuale, la Roma sembra maggiormente concentrata per definire gli ultimi dettagli della rosa e, al di fuori dell'ironia, si tratta di due giocatori che potrebbero tornare molto utili e confermerebbero la tendenza della società giallorossa ad investire soldi soprattutto su prospetti di sicuro avvenire.

A margine della conferenza stampa di presentazione di Olsen che s'è svolta ieri mattina nell'albergo di Boston, sede del ritiro giallorosso, nel giorno di riposo per tutta la comitiva, Monchi è stato piuttosto chiaro: «La Roma non butta i soldi tanto per comprare. Stiamo cercando un'opportunità come è accaduto con Malcom, se la troveremo bene, altrimenti potremmo anche restare così». Samassekou è un centrocampista maliano che ha rappresentato quest'anno uno dei segreti dell'alto rendimento del Salisburgo che ha eliminato la Lazio dall'Europa League (anche se lui ha saltato la gara di ritorno per somma di ammonizioni), perdendo poi in maniera rocambolesca con l'Olimpique Marsiglia in semifinale, ha ancora un anno di contratto con gli austriaci e una valutazione intorno ai 15 milioni, di totale plusvalenza peraltro. Ndombele invece vale almeno 25 milioni ed ha giocato 32 partite quest'anno nella Ligue 1 con la maglia dell'Olympique Lione firmando sette assist. Scartati altri profili e in attesa di capire l'epilogo della vicenda Nzonzi (probabilmente destinato all'Arsenal, ma per saperlo bisogna attendere ancora pochi giorni, il 9, quando sarà chiuso il mercato in Inghilterra), Monchi è proiettato soprattutto su questi due ragazzi.