Testa tutta all'Atalanta, d'accordo e ci mancherebbe altro, ma con un'occhiatina fugace anche al calendario stilato ieri dalla Lega fino alla decima giornata di ritorno. La Roma si rituffa nel campionato senza avere nemmeno il tempo di rifiatare. Giovedì sera l'impegno contro il Torino; ieri a mezzogiorno la seduta di lavoro (come di consueto scarico per chi ha giocato almeno metà partita); oggi la rifinitura alle 14 e la partenza per Bergamo alle 18, dove 24 ore dopo - a meno di 72 dalla partita precedente, come ha fatto notare Fonseca - la Roma sarà nuovamente in campo. Su uno dei più ostici della Serie A, oltre che avaro di soddisfazioni da qualche anno a questa parte.

L'Atalanta vista all'opera nella tana della Juventus sembra tornata la squadra della scorsa stagione, quella che complicava la vita a qualsiasi avversario. Massima concentrazione dunque e magari anche qualche accorgimento da parte del tecnico, che dovrà stabilire se proseguire con Pellegrini sulla linea dei trequartisti o reinserire Pedro nella formazione titolare. Dopo il turno di stop per squalifica, lo spagnolo è entrato nella seconda parte del match contro i granata, senza però esibirsi ai livelli cui ha già abituato da quando è sbarcato nella Capitale.

Eppure proprio la squadra di Gasperini potrebbe adattarsi a meraviglia alle sue caratteristiche. La continua ricerca dell'uno contro uno da parte dei nerazzurri può costituire un rischio enorme quando dall'altro lato ci sono due attaccanti tecnici, veloci e in grado di saltare l'avversario diretto con continuità, come Mkhitaryan e lo stesso Pedro. Il simultaneo ricorso ai due attaccanti puri alle spalle di Dzeko porterebbe al nuovo utilizzo di Cristante nel suo ruolo originario, in modo da dare maggiore consistenza alla mediana. Anche se rinunciare a Pellegrini nel suo miglior momento di forma potrebbe rappresentare un azzardo. Sono loro però i quattro che si contenderanno le tre maglie fra trequarti e centrocampo, dove sarà sicuramente titolare Veretout. Con Karsdorp di nuovo dall'inizio e Spinazzola confermatissimo, l'altro ballottaggio è in difesa: sicuro del posto nella linea a tre Smalling, mentre Mancini, Kumbulla e Ibanez sono in lizza per le restanti due posizioni.

Spostando l'attenzione più avanti (ma rigorosamente dopo Bergamo), si sono appresi orari e date dei turni di campionato compresi fra il 9 gennaio e il 3 aprile, ovvero fra la diciassettesima e la ventinovesima giornata. La Roma giocherà contro l'Inter nel lunch match di domenica 10 gennaio, mentre il derby sarà disputato cinque giorni dopo, venerdì 15 alle 20.45. Sabato 6 febbraio alle 18 il big match in casa della Juventus, notturne domenicali con Milan (28 febbraio) e Napoli (21 marzo). Curiosamente (o forse no), non è fissata alcuna gara dei giallorossi al lunedì. La sfida di Coppa Italia con lo Spezia andrà invece in scena martedì 19 gennaio alle 21.15. Per riscaldarsi un po'.